Olimpiadi 2021 – Beach Volley: servizio alle stelle, cattive influenze, ricezione complicata.. Che cos’è lo sky ball?

Sabbia, pantaloncini, pallone, rete, sole, dj e battito cardiaco (altissimo). Era, un po’, un riassunto della nostra conoscenza del beach volley prima dell’inizio di queste Olimpiadi a Tokyo. Così, quando abbiamo visto circolare il video di servizio dell’italiano Adrian Carambula
social networksNoi, come molti, abbiamo disegnato un sorriso. Abbiamo menzionato le nostre ore migliori giocando a pallavolo all’UNSS, cercando di colpire il soffitto della palestra durante il servizio.

Ma se siamo davanti alla nostra TV e Adrien Carambola è a Shiokazi Park, c’è un motivo. “Lo chiamiamo Mister Skyball sul ring”, ci ammette parlando dell’italiano Slim El Hani, nazionale tunisino che gioca a Parigi. “Skyball”? Sì, come il nome di questo servizio molto speciale in cui mandiamo la palla alta decine di metri, vicino a Thomas Pesquet, in modo che il ricevitore sia completamente allo sbando.

Vento e sole hanno vinto

“È un servizio davvero speciale dove colpisce così forte che è difficile per il ricevitore leggere la traiettoria della palla”, ha detto El Hani. La Carambola offre molti effetti, il che rende la sua trasmissione molto efficiente e difficile da interpretare. Se giochi nel pomeriggio, con il sole molto alto, questo rende l’atterraggio più difficile e il posizionamento delle braccia è complicato. E se si aggiunge il vento, l’efficacia di questo servizio dipende anche dal meteo. “

Nella prima partita di Carambola e Azzurrini non c’è il sole in vista, ma i riflettori sono in grado di accecarti in meno di due secondi. Il palloncino passa nella luce e presto, l’eclissi. E per il vento, ricorda che il tifone ha interrotto il corso di certi eventi. Sicuramente per la più grande felicità degli italiani.

READ  La valanga ha ucciso due sciatori italiani in Alta Savoia

Un tocco speciale al pallone

Sul ring, Adrian Carambula è uno dei pochi giocatori che utilizzano regolarmente questo tipo di servizio. Anche l’unico può fare da 2 a 3 ace per set (cosa molto rara nel beach volley) grazie a questo “sky ball”. “Non fornisce questo tipo di servizio per divertimento, ma a volte lo usa per ottenere punti specifici, quando la partita è molto combattuta”, continua il tunisino. Sul 19-19, nel secondo set contro gli americani, dopo aver perso il primo set. “Per l’addetto alla reception è complicato. Ti metti sotto la palla, ma poiché la palla gira così tanto, può atterrare a due metri dietro di te”.

Ovviamente principianti, ci siamo posti la domanda: se è così efficace, perché altri giocatori non usano questa tecnica di servizio così particolare? Salim El-Hani risponde: “La difficoltà sta nella coerenza”. Ogni giocatore internazionale può farlo di tanto in tanto, ma devi davvero imparare a girare molto. In Francia abbiamo due o tre giocatori che lo fanno, ma non tiriamo così in alto come l’italiano. Carambula ha anche un tocco di palla molto particolare. “

Quindi altri si accontentano di servizi galleggianti o di servizi tennistici meno eccitanti ma efficaci. In questo minigioco anche il norvegese, Anders Mull e il brasiliano Evandro sono i migliori nel “trovare angoli improbabili”, come conclude Salim El-Hani. Non hai il monopolio del cielo, signor Skyball.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *