Ocean Viking: Il rapporto tra Francia e Italia di Giorgia Meloni è iniziato male

Ocean Viking: Il rapporto tra Francia e Italia di Giorgia Meloni è iniziato male

Il rifiuto dell’Italia di consentire l’attracco alle sue coste della nave umanitaria Ocean Viking, spingendo la Francia a intervenire, sembra aver teso i rapporti tra i due paesi.

Una collaborazione dagli inizi tumultuosi. Giovedì la Francia ha deciso di consentire l’attracco sul suo territorio della nave di aiuti umanitari Ocean Viking, in mare da diversi giorni con a bordo 234 migranti. Ciò avverrà venerdì a Tolone, ha dichiarato Gerald Darmanin dopo la riunione di gabinetto.

Tuttavia, sono aumentate le tensioni tra lo Stato francese e l’Italia, dove si trovava la nave, di fronte al rifiuto di Roma di far attraccare la Ocean Viking, nonostante una richiesta diretta della Commissione europea.

Passaggio dinamico delle braccia

Pertanto, la decisione dell’Italia di negare alla Ocean Viking l’ingresso nel suo territorio è stata accolta molto male dalle autorità francesi. Giovedì, Gerald Darmanin ha lamentato la “scelta incomprensibile” di un Paese che “non ha agito da Stato europeo responsabile”.

In risposta, la Francia ha deciso di sospendere “immediatamente” l’accoglienza di 3.500 rifugiati in Italia quest’estate.

Il Ministro dell’Interno ha anche indicato che un meccanismo europeo consente il trasferimento dei profughi giunti in particolare in Italia verso altri Paesi europei nell’ambito del diritto internazionale e del diritto del mare.

Da parte sua, giovedì il ministro dell’Interno italiano Matteo Bentedosi ha denunciato la decisione francese di adottare misure di ritorsione contro Roma, definendola “del tutto incomprensibile”.

“La reazione della Francia alla richiesta di accogliere 234 migranti, quando quest’anno l’Italia ne ha ricevuti solo 90.000, è del tutto incomprensibile”, ha affermato il ministro in una nota.

Implicazioni per scambi futuri

Questa tensione emergente tra Francia e Italia potrebbe lasciare il segno, anche se Georgia Meloni ha assunto la guida del governo il 23 ottobre.

Come promemoria, poche ore dopo questa nomina ufficiale, il presidente Emmanuel Macron ha promesso di collaborare con Giorgia Meloni con “dialogo e ambizione”. Se dice di essere “disposto a lavorare” con quest’ultimo, la gestione del caso Ocean Viking potrebbe avere conseguenze per continui scambi futuri tra i due paesi.

La Francia ha anche indicato, attraverso Gerald Darmanin, che “dipingerà le conseguenze” della posizione italiana su altri aspetti del suo “rapporto bilaterale”.

READ  Soldato: Marie Lafort è brillante in un grande dramma (ri)visto nei cinema

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *