Occhi pieni d'Italia lunedì al Cercle San Martin

Occhi pieni d'Italia lunedì al Cercle San Martin

Mario Entroia è stato ovunque. A 70 anni, questo regista di viaggi, dalla fotografia raffinata e una produzione paziente e tenace che può impiegare “tre settimane per ottenere un minuto dell'immagine”, presenterà e spiegherà, sostenuto dal tono gentile di un narratore esperto, la seconda parte di il suo libro. Una tripletta dedicata all'Italia lunedì sera a Colmar. Meno male, questo columari siciliano inserisce un contesto senza precedenti nella storia, nell'arte e nella geografia del suo paese natale.

Sarà un viaggio dalla Campania alla Toscana passando per la Liguria. “Queste aree rappresentano oltre il 40% del patrimonio culturale e naturale italiano”. Cominciamo da Napoli, “all’ombra dei suoi vulcani”. La maggior parte delle persone conosce solo il Vesuvio. Ci soffermiamo sulla trama della Chiesa di San Severo con il magnifico Cristo velato nel marmo, difficilmente raffigurabile. “Mi ci sono voluti tre anni per ottenere il permesso.”

Dopo aver superato la Costiera Amalfitana, agli spettatori vengono presentati “i paesaggi marini più belli del Mediterraneo” con le Cinque Terre, Portofino, il “Golfo dei Poeti” con le case colorate. “Racconto le loro storie” così come quelle della carta amalfitana e dei neroli o la saga genovese “attraverso esploratori, ammiragli e orafi” di quella che fu una potente repubblica marinara rivaleggiando con quelle di Venezia e Amalfi.

“Racconto storie andando al fondo delle cose.”

“Entriamo in Toscana passando per Carrara e le sue cave”, tante anche le riprese con droni, dove Mario Entroia racconta la “storia del marmo”, e quindi la storia della scultura, e poi il viaggio prosegue a Firenze, la “terra delle meraviglie” , è il Ponte Vecchio e la sua cattedrale “dei fiori” e di Michelangelo, prima di incamminarsi “sulla Via Chianti alsaziana” passando per San Gimignano, Siena e Pitigliano. “Tutti sono stati in Toscana, ma io racconto storie andando al fondo delle cose.”

READ  Luca: Il film d'animazione Pixar uscirà finalmente su Disney +

E infine la Val d'Orcia e le sue straordinarie luci. Lì è pura fotografia e un controluce che non abbiamo mai visto prima. Tuttavia, pensavo che le luci più belle fossero nell'emisfero settentrionale. Con la musica giusta, non è raro che gli spettatori “finiscano in lacrime” dopo spettacoli così seguiti in Canada, Parigi e Costa Azzurra. “L’Italia offre una vasta gamma di sensazioni per chi è anche un po’ curioso.”

Sarà questa l'occasione per procurarsi il dvd della prima opera dedicata alla regione dei Grandi Laghi. Questa è un'altra storia. “Ricomincio dal diciassettesimoH secolo” e incontriamo Goethe, Stendhal e Verdi, ma anche di santi e ovviamente di paesaggi straordinari. Che sono rimasti uguali e di cui “Venezia è il risultato”. Viaggi sorprendenti e meravigliose storie romantiche.

Lunedì 20 novembre alle 15 e alle 20 al Circle Saint Martin di Colmar. Sito web: http://www.regardssurlemonde.com

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *