Nuovi inizi a Bridgewater

Dal suo primo campo NextGen alla nazionale canadese di Para Hockey in meno di un anno, il quindicenne Matteo Pellizzari è pronto a fare il suo debutto internazionale alla Para Hockey Cup 2022

Ci sono stati molti grandi cambiamenti nella vita di Matteo Pellizzari negli ultimi sette mesi.

Ad aprile, il quindicenne giocava per la squadra regionale di hockey su prato di BC Hockey, con mischie due volte a settimana il mercoledì e il sabato. Ora si allena quotidianamente e viaggia in tutto il paese per i campi di addestramento prima di fare il suo debutto internazionale Coppa Parahockey a Bridgewater, NS, come il membro più giovane del Squadra nazionale canadese di hockey su ghiaccio.

“È stata una specie di singhiozzo, ma è stato davvero bello”, dice il residente di Vancouver, BC.

Pellizzari è nato senza il perone in entrambe le gambe, una rara condizione chiamata emifibula bilaterale. È diventato un amputato dal ginocchio in giù quando aveva un anno.

“È l’unica cosa che ho veramente saputo”, dice Pellizzari di essere un amputato. “Onestamente non riesco a immaginare la mia vita in nessun altro modo.”

Tante le occasioni che Pellizzari ha potuto cogliere grazie all’amputazione. Partecipa attivamente a amplificatori di guerra CHAMPS ed è già apparso in dichiarazioni di guerra, opuscoli e carri da parata. Quando è cresciuto, ha iniziato a fare volontariato a CHAMPS per restituire al programma che gli ha dato così tanto.

“Hanno fatto la differenza nella mia vita. Mi hanno dato così tante opportunità”, dice. “Stanno pagando per tutte le mie protesi ricreative… In realtà hanno anche pagato per il primo pattino (para-hockey) che abbia mai avuto che era destinato a me.”

L’aiuto della CHAMPS ha aperto a Pellizzari le porte per cimentarsi in più sport. Gli piace giocare a pallavolo, correre, nuotare e giocare a golf, ma la sua vera passione è sempre stata l’hockey su prato. Pellizzari è salito sul ghiaccio per la prima volta quando aveva quattro anni.

“Ricordo distintamente la prima volta che l’ho suonato. Mi sentivo come se stessi andando molto veloce, è stato fantastico”, dice. “Mi sono innamorato il primo giorno, è stato amore a prima vista”.

READ  Quindici anni di sospensione per il pilota che era un selvaggio

In un primo momento, Pelizzari ha imparato le basi del parahockey con altri bambini della sua età. Tuttavia, divenne presto evidente che aveva un talento naturale per lo sport, quindi passò a giocare per le squadre senior quando aveva nove anni.

“Ho iniziato a giocare con ragazzi enormi di 30 anni che giocavano per BC e ho pensato che fosse incredibile”, spiega l’attaccante. “Ero sbalordito. Ero decisamente il peggiore sul ghiaccio”.

Con il tetto alzato per fissare nuovi obiettivi nell’hockey, Pellizzari ha continuato a migliorare ed eccellere in questo sport. Il suo talento iniziò anche a essere notato dai membri della Canadian National Para Hockey Team. Il difensore veterano Adam Dixon Pellizzari si è incontrato per la prima volta nella Cruiser Cup nel 2021.

“[Pellizzari] Ha chiamato Greg Westlake, l’ex capitano e uno dei miei buoni amici, e Greg ha detto: “Ehi, vieni a conoscere questo ragazzo, è un ragazzo molto simpatico”, dice Dixon. “Ovviamente ci è voluta molta dedizione per volare dalla Columbia Britannica per giocare in un torneo a Mississauga per il fine settimana”.

Ad aprile, Pellizzari è stato invitato al suo primo NextGen Para Hockey Development Camp a Montreal, dove Dixon ha fatto da mentore per i partecipanti.

“È stato allora che ho davvero avuto modo di passare molto tempo con lui”, spiega Dixon. “Ovviamente, essendo un amputato a due gambe, penso che sia un ottimo giocatore. Ha capito tutto… È davvero il miglior ragazzo di BC”.

“Una volta che sono andato al campo NextGen, mi ha davvero aperto gli occhi (sulle) possibilità che ho nello sport”, aggiunge Pellizzari. “È stato davvero emozionante per me. È stato fantastico vedere come Hockey Canada organizza questi eventi”.

Una cosa che si è distinta per Dixon è stata la volontà di Pellizzari di imparare e non aver paura di fare domande per capire ogni consiglio. Lavorare con Pellizzari ha anche ricordato a Dixon la sua esperienza con la squadra nazionale canadese di parahockey quando aveva 17 anni.

READ  La crisi afghana consente al Qatar di acquisire influenza

“Le persone che ho visto in TV – Brad Bowden, Billy Bridges, Greg Westlake – improvvisamente sono passate dall’essere i miei eroi a essere i miei compagni di squadra, ed è stato molto divertente ricordarglielo”, dice.

Stava usando le bacchette di Greg Westlake che Greg gli aveva dato, e non le ha mai registrate di nuovo perché non voleva prendere il nastro che Greg aveva messo lì. oggi imparerò a infilare i bastoncini. “Il poco che ricordo quando ero giovane ed ero un appassionato di sport, e lo vedo in lui.”

Dopo un’impressionante esibizione al NextGen Camp, Pellizzari è stato invitato alla selezione per la squadra nazionale canadese di parahockey a settembre.

Prima di sostenere i test, [Pellizzari’s] “Mio padre in realtà mi ha rintracciato su Facebook e mi ha chiesto di chiamarlo, e mi ha appena detto di cercarlo”, dice Dixon. Quando è arrivato lì, non aveva bisogno che nessuno lo cercasse.

“È molto maturo. È molto estroverso su tutto. Non ha mai giocato a hockey di alto livello, quindi qualunque cosa gli diamo, deve solo succhiarlo e succhiarlo molto bene. Lo capisce e lo applica, e penso che sia un tratto piuttosto interessante.”

Alla fine del ritiro, Pellizzari si era assicurato un posto nel roster della nazionale, un risultato che lo ha completamente sorpreso.

“Pensavo che fosse davvero bello che ci pensassero”, dice Pellizzari. “Ero così entusiasta solo di giocare ai massimi livelli in Canada, e all’improvviso sono entrato a far parte della squadra ed è stato fantastico”.

Essendo il membro più giovane del Team Canada, Pellizzari dice che tutti i suoi compagni di squadra veterani lo hanno salutato e gli hanno dato consigli, ma il suo rapporto con Dixon si è distinto. Dixon considera anche Pellizzari uno dei suoi migliori amici della squadra.

Adam Dixon, è stato un educatore dal Camp NextGen. [He’s been] Molto utile [as I’ve been] Trovo la mia strada per il Team Canada “, afferma Pellizzari. “Penso che giocare con tutti questi veterani mi darà molte informazioni su ciò che posso aspettarmi”.

READ  Valentino mette sotto i riflettori la capitale italiana con la sua sfilata di haute couture

Com’è stato bilanciare l’essere un membro della Canadian National Par Hockey Team mentre era al liceo? Bene, Pellizzari dice che sta ancora cercando di capirlo e affrontandolo un giorno alla volta. Ha lavorato con la sua scuola superiore in modo da poter completare i requisiti di esercizio del Team Canada invece di seguire un corso di educazione fisica.

Ma come ha scoperto Dixon, il giovane attaccante ha l’etica del lavoro per stare al passo con la scuola e con il suo allenamento di hockey.

“Ero il suo coinquilino [at the] l’ultimo [training] Al campo, ragazzo, faceva solo i compiti. dice Dixon. “per [my] Il primo anno, impacchettavo tutti i miei libri di testo del liceo, li mettevo nella mia borsa e volavo con loro, e loro rimangono nella mia borsa. Non li aprirò mai”.

La Para Hockey Cup 2022 sarà il debutto internazionale di Pellizzari con il Team Canada, e avrà un folto gruppo di fan a tifarlo. La sua famiglia viaggerà attraverso il paese fino a Bridgewater, NS, per vederlo indossare la Maple Leaf per la prima volta.

“Senza la mia famiglia e i miei amici, penso che sicuramente non sarei dove sono oggi. Hanno fatto la differenza”, dice. “Mi hanno davvero preparato per il successo e sono stati molto incoraggianti per me.”

Guardando al futuro, Pellizzari spera che la sua esperienza con il Team Canada gli dia l’opportunità di continuare a sviluppare il gioco nella sua provincia e in tutto il paese. Essendo uno dei tanti nuovi giocatori della squadra nazionale canadese di parahockey, non vede l’ora di crescere come giocatore con i suoi compagni di squadra nei prossimi quattro anni.

“Questo è davvero speciale perché ci sono così tanti giovani giocatori e stiamo costruendo il Team Canada quest’anno per le prossime Paralimpiadi. Abbiamo iniziato dall’inizio e sono davvero entusiasta di farne parte”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.