Nuova attività: Peppettina, un negozio di alimentari italiano a Saint-Quay-Portrieux

Isabelle Pierre e Walter Picilli hanno appena aperto il loro negozio di alimentari italiano a Saint-Quay-Portrieux. © La Presse d’Armor

La Peppettina è il nuovo negozio di alimentari italiano situato in rue de Dol a Saint-Quay-Portrieux. E’ ricco di prodotti originali dell’Italia: olive, olio d’oliva, aceto balsamico, vini, salumi, formaggi (gorgonzola al mestolo, parmigiano di montagna, o pecorini al peperoncino, tartufo, pepe e anche foglie di olivo), pasta fresca o secca, risotti già preparati con zafferano, ortica, funghi, tartufo, ecc.

Una riconversione ricca di sapori

La Peppettina permette a Isabelle Pierre e Walter Picili, pur lavorando in coppia, di fare una riqualificazione professionale.

Lavoravano nel commercio nella regione di Parigi, ma per amore della sua regione d’origine, la Morlaisienne e la sua compagna si diressero a ovest. Fu anche per amore e passione per il nord-est d’Italia, il Veneto, regione d’origine di Walter, che la coppia si avviò nell’attività artigianale.

Con una famiglia ancora numerosa in loco, amici e conoscenti tra artigiani e produttori, la coppia beneficia di un’intera rete locale per trovare tanti prodotti autentici.

La Peppettina si trova al n°5 di rue de Dol. Telefono. 02 96 32 17 26. Facebook: “La Peppettina”. Aperto dal martedì al sabato dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19:30 domenica dalle 9:30 alle 12:30 La Peppettina sarà presente nei mercatini di Natale di Quay Worker l’11 e il 12 dicembre e al centro congressi il 17, 18 e 19 dicembre.

Questo articolo ti è stato utile? Nota che puoi seguire La Presse d’Armor nella zona di Mon Actu. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

READ  L'Italia giocherà per vincere: "Non mi interessa cosa pensa Courtois di questa partita"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *