Nubi dopo una forte ripresa in Europa

La crescita del PIL, trainata principalmente dai forti consumi delle famiglie e dal turismo, è stata in media del 2,2% nella zona euro.

Durante il forte rallentamento della crescita negli Stati Uniti e in Cina nel terzo trimestre, l’Europa si è distinta fortemente per la sua ripresa economica. La crescita del PIL è stata in media del 2,2% nell’area dell’euro, dopo il 2,1% nel secondo trimestre e la stagnazione nei due trimestri precedenti. Il principale motore di ciò è stato il forte consumo delle famiglie e il turismo, mentre le strozzature hanno colpito il settore.

Questo spiega in parte la performance geografica coinvolta. Austria (+3,3%), Francia (+3%), Portogallo (+2,9%) e Italia (+2,6%) sono in testa. Delude invece la Germania, con un incremento solo dell’1,8%. La più grande economia della zona euro, ovviamente, ha subito meno collasso rispetto ad altri paesi nel 2020, ma la sua ripresa è pesantemente colpita da carenze che paralizzano il settore. Mercoledì il governo di Angela Merkel ha rivisto bruscamente le sue previsioni di crescita a

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai ancora il 60% da scoprire.

Sviluppare la tua libertà significa sviluppare la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo per 1€ nel primo mese

Già iscritto? accesso

READ  105 migranti soccorsi dopo che la loro imbarcazione è affondata al largo delle coste del Paese

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *