Notizie scientifiche a piccole dosi | Giornalismo

Pochi milligrammi di tutte le notizie scientifiche di questa settimana


Eric-Pierre Champagne

Eric-Pierre Champagne
Giornalismo

tramonto su marte

Come sarebbe un tramonto su Marte, Venere o Urano? Jeronimo Villanueva, uno scienziato della NASA, ha eseguito simulazioni a tarda ora per altri tre pianeti nel nostro sistema solare oltre a Titano, una delle lune di Saturno. Possiamo anche vedere il tramonto su Trappist-1egli è, un pianeta di un sistema vicino.

Guarda il video su YouTube

un test

S. Quante tonnellate di carbonio sono state rilasciate dalle torbiere aride?

Foto di David Boyle, archivio stampa

Torbiera nel Parco Nazionale di Pointe-Taillon, Saguenay

R è stato trovato. Negli ultimi 1150 anni, 72 miliardi di tonnellate di carbonio sono state rilasciate nell’atmosfera a causa del prosciugamento delle torbiere, principalmente per l’agricoltura, nell’emisfero settentrionale. Questo è lo scenario medio sviluppato da un team del Laboratorio di scienze climatiche e ambientali dell’Università di Paris-Saclay. I ricercatori hanno basato il loro modello sui dati di 12 paesi, che comprendono il 90% delle torbiere dell’emisfero settentrionale. Dei 72 miliardi di tonnellate, 40 sono state liberate dal 1750, anno che segnò l’inizio dell’era industriale. I ricercatori affermano di voler migliorare il loro modello per ottenere risultati più accurati. Tuttavia, questi sottolineano l’importanza di questi ambienti per lo stoccaggio del carbonio nell’era dell’emergenza climatica.

Enzimi di mucca per fondere la plastica?

Foto di Agustin Markarian, Reuters

Gli stomaci delle mucche fondono vari tipi di plastica.

I ricercatori dell’Università delle risorse naturali e delle scienze della vita di Vienna hanno scoperto che gli enzimi nello stomaco delle mucche dissolvono diversi tipi di plastica. Gli scienziati hanno prima prelevato il liquido dal rumine, uno dei quattro stomaci delle mucche, e poi ne hanno testato l’efficacia su un diverso poliestere. Questo ha dimostrato di essere efficace per tre delle plastiche più comuni, incluso il polietilene tereftalato, meglio conosciuto con l’acronimo PET. Ci vogliono da uno a tre giorni perché queste plastiche si decompongano a 40°C. Tuttavia, saranno necessari ulteriori studi per determinare se questa soluzione può essere applicata su larga scala. Il lavoro degli scienziati austriaci è stato pubblicato sulla rivista Frontiere della bioingegneria e delle biotecnologie.

il numero

7,6%

FOTO GIORDANO CIAMPINI, The Canadian Press

Un aumento del numero di alberi può portare ad un aumento delle precipitazioni.

Piantare più alberi potrebbe aumentare le precipitazioni estive nel continente europeo. Almeno questa è la conclusione di uno studio pubblicato sulla rivista scienze naturali della terra da scienziati del Politecnico federale di Zurigo, Svizzera. Secondo i ricercatori, se la copertura forestale aumentasse del 20% in modo uniforme in Europa, le precipitazioni potrebbero aumentare del 7,6%. Lo studio ha esaminato le conseguenze della piantumazione di alberi su terreni destinati alla coltivazione. Se i risultati saranno positivi nell’Europa meridionale, questa pioggia aggiuntiva interesserà comunque le aree dell’Atlantico già più soggette a precipitazioni. Lo studio mostra che le soluzioni non sono sempre così semplici in termini di adattamento ai cambiamenti climatici.

READ  Il virus Ebola in Guinea potrebbe essere collegato a un sopravvissuto all'epidemia del 2014 (OMS)

Insegnare ai ciechi a determinare l’ecolocalizzazione

PHOTO NINON PEDNAULT, archivio stampa

Con 10 settimane di formazione sull’ecolocalizzazione, le persone non vedenti possono migliorare notevolmente le loro capacità di multitasking.

Era già noto che gli esseri umani sono in grado di utilizzare l’ecolocalizzazione, come i pipistrelli, per la navigazione. Tuttavia, con 10 settimane di formazione, le persone non vedenti possono migliorare significativamente la loro capacità di multitasking. I ricercatori della Durham University nel Regno Unito hanno condotto uno studio su persone vedenti e non vedenti che hanno partecipato a un programma di formazione di 10 settimane in cui hanno imparato a navigare nello spazio utilizzando l’ecolocalizzazione. Poi sono stati seguiti per tre mesi. Tutti i non vedenti hanno riportato una maggiore mobilità e l’83% ha dichiarato di aver acquisito indipendenza e qualità della vita. Tuttavia, questa tecnica non viene utilizzata molto, con preoccupazione per lo stigma dovuto al tocco ripetuto della lingua necessario per migliorare l’ecolocalizzazione.

Una versione precedente di questo testo collocava Zurigo in Germania, mentre questa città è chiaramente in Svizzera.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *