Nonostante una nuova legge restrittiva in Italia, MSF va ancora in soccorso di un barcone di migranti

Lunedì scorso, MSF ha pubblicato una serie di tweet in cui affermava di aver soccorso imbarcazioni in difficoltà solo su richiesta delle autorità italiane. La Ong ha aggiunto che la Roma aveva chiesto la possibilità di non intervenire, perché la situazione era “gestito dalla Libia”. La Geo Barents obbedì e iniziò a dirigersi verso il porto italiano di Taranto, con a bordo 85 persone soccorse in mare.

Ma poi ha ricevuto una segnalazione da Alarm Phone, una hotline per i migranti in difficoltà, che segnalava una barca in difficoltà in viaggio. “Abbiamo subito chiesto il permesso di intervenire alle autorità italiane, ma non abbiamo ricevuto risposta.“, ha detto Maurizio Debanne. E preoccupati: “Se troviamo la barca ed effettuiamo un salvataggio senza permesso, l’Italia potrebbe teoricamente considerare che abbiamo violato la nuova legge”.

“Ma secondo le leggi internazionali e le convenzioni marittime, siamo obbligati ad aiutare chi è in pericolo”, ha sottolineato. La Geo Barents non ha deviato dalla sua rotta per cercare i migranti, ha insistito, sostenendo che quelli in difficoltà erano sulla rotta della nave verso il porto.

READ  Atlantia pagherà 3,4 miliardi di euro per dirimere il contenzioso con la Roma

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *