Nonostante la sua esclusione, il figlio conserva solo il “positivo”.

Dominato da Arthur Fels nelle qualificazioni al Masters 1000 di Parigi, l’italiano scelto questa volta ha dominato la giovane speranza che ha trovato nel tabellone principale.

all’Accor Arena,

Fabio Fognini si vendica. Sconfitto da Arthur Fells nell’ultima fase di qualificazione, l’italiano, arruolato dopo il ritiro del connazionale Matteo Berrettini, ha dominato questa volta… Arthur Fells, 18 anni, durante la prima prova del Rolex Paris Masters. Con successo in tre set (7-6, 6-7, 6-2). “Ho avuto delle occasioni che non sapevo sfruttare, mentre nel primo match credo di averle colte. Nel complesso, è stata una partita molto buona. Il pubblico mi ha aiutato e mi ha spinto molto. Mi ha aiutato bene. Purtroppo il finale è stato un po’ duro. All’inizio del terzo inning, mi sono sentito un po’ lento e ho preso subito il comando. Dopodiché, correre per segnare è complicato. È vero, c’erano molti sentimenti. Ero felice, a volte un po’ deluso. Tutto sommato, torno abbastanza felice, diciamo.»

Young Hope, di qualifica e posizione 308, raggiunge un bilancio positivo dai suoi primi 1000 master. “Ho il livello, non è un problema di level play, è una gestione della partita molto complessa. Ero un po’ stanco dalle prime due partite. Prendo solo i lati positivi da lui.Fognini, ex top ten, giocherà per un posto negli ottavi di finale contro il bulgaro Grigor Dimitrov, 28 anni, o l’olandese Bottici van de Zandschulp.

READ  Internazionale USA: finale Jabeur-Swiatek

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.