Non siamo uguali di fronte allo stress post-traumatico

Non siamo uguali di fronte allo stress post-traumatico

Medicinale

Non siamo uguali di fronte allo stress post-traumatico

Uno studio condotto dall’EPFL ha scoperto che la variazione dei livelli ormonali degli individui gioca un ruolo importante nel determinare se essi sperimentano o meno uno stress post-traumatico.

pubblicato

Solo il 25-35% delle persone che hanno subito un trauma sviluppano successivamente uno stress post-traumatico.

Getty Images/iStockPhoto

Sebbene molte persone siano vittime di un evento traumatico, solo il 25-35% di loro sviluppa successivamente un disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Capire perché alcuni sono più a rischio di altri è essenziale per la prevenzione e il trattamento.

Un recente studio di Carmen Sandi e Simone Astori dell’EPFL è stato pubblicato su “Psichiatria biologica” Rivela che lo sviluppo del disturbo da stress post-traumatico è influenzato dai glucocorticoidi, ormoni, come il cortisolo, che il nostro corpo rilascia in risposta allo stress.

“Ci sono grandi differenze nei livelli di glucocorticoidi che le persone rilasciano nel flusso sanguigno quando sono stressate”, afferma Carmen Sandi. Bassi livelli sono frequentemente osservati in pazienti con disturbo da stress post-traumatico conseguente a un trauma e inizialmente si sospettava che fossero il risultato dell’esposizione al trauma. Se questa caratteristica costituisca un fattore di rischio preesistente per il disturbo da stress post-traumatico è una domanda rimasta senza risposta per molti anni. Ma il loro studio è complicato dalla difficoltà di raccogliere misurazioni biologiche prima del trauma e di accedere a modelli animali rilevanti in cui studiare il ruolo causale di questi tratti.

Test su topi geneticamente selezionati

Per capire come una bassa risposta ormonale allo stress potrebbe essere collegata ai sintomi del disturbo da stress post-traumatico, gli scienziati hanno utilizzato un modello murino geneticamente selezionato che potrebbe essere confrontato con persone con basse risposte di cortisolo. Per fare ciò, il team ha utilizzato la risonanza magnetica per misurare il volume di diverse regioni del cervello, ha addestrato i topi ad associare il segnale alla paura, ha registrato i loro schemi di sonno e ha misurato l’attività cerebrale.

READ  Pôle de Santé Sud a Pierrefonds: "Contribuire al riequilibrio regionale"

Gli scienziati hanno scoperto che una ridotta risposta ai glucocorticoidi porta a una ridotta estinzione della paura nei maschi, a una diminuzione del volume dell’ippocampo e a disturbi del sonno REM. L’estinzione della paura è un processo attraverso il quale una risposta condizionata alla paura diminuisce nel tempo. Questo è il segno distintivo del disturbo da stress post-traumatico. Il sonno REM è essenziale per il consolidamento della memoria e i disturbi di questo tipo di sonno sono stati a lungo collegati al disturbo da stress post-traumatico.

Il trattamento e gli ormoni riducono lo stress

Ma lo studio è andato oltre: gli scienziati hanno trattato i topi con l’equivalente della terapia cognitivo comportamentale umana per ridurre le loro paure apprese. Poi hanno dato loro il corticosterone. Di conseguenza, la paura eccessiva e i disturbi del sonno REM sono diminuiti. Inoltre, anche i livelli elevati di norepinefrina (un neurotrasmettitore legato allo stress) nel cervello sono tornati alla normalità.

“Il nostro studio fornisce prove del coinvolgimento diretto di una ridotta reattività ai glucocorticoidi nello sviluppo di sintomi di disturbo da stress post-traumatico a seguito di un trauma, in particolare nella compromissione dell’estinzione della paura”, afferma Carmen Sandy. È stato dimostrato che bassi livelli di glucocorticoidi sono coinvolti anche nel determinare fattori di rischio e altri sintomi che, fino ad ora, erano stati collegati indipendentemente solo al disturbo da stress post-traumatico.

“In sintesi, forniamo prove meccanicistiche, che prima non esistevano, che bassi livelli di glucocorticoidi come il cortisolo nell’uomo sono una condizione che predispone gli individui a presentare di fronte a sé tutti i fattori di vulnerabilità”, aggiunge Silvia Munari, autrice principale dello studio. studio. PTSD, che è coinvolto in un deficit nell’estinzione dei ricordi traumatici.

READ  Neuroscienze contro il dolore cronico: un lavoro rivoluzionario potrebbe portare a nuove terapie

Visualizza commenti

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *