“Non dovrebbe succedere allo sprint”, ha dichiarato Arnaud Demare prima dell’inizio del Tour di Parigi, questa domenica, a Chartres.

Prima di partire per l’allenamento, il corridore del Groupama-FDJ Arnaud Demarie viene visto nella sua stanza d’albergo, in video, alla vigilia del Tour di Parigi. La classica che Picard ha amato dalla sua vittoria lo scorso anno ad Avenue Gramont, davanti al connazionale Frank Bonamore e al belga Jasper Steuvin.

I protagonisti della 116a edizione

Arnaud Démare, come ti avvicini a questi tour di Parigi alla luce dell’enorme numero di corridori che si presentano?
Per me, non è una gara che deve accadere in uno sprint. Potremmo raddoppiare gli specialisti e penso che quelli che possono vincere saranno corridori con la capacità di attraversare i sentieri dei vigneti come De Lie (Lotto Soudal), Philipsen (Alpecin) o Laporte (Jumbo-Visma).

Bisogna anche tenere conto dei capricci della gara: buche, mancanza di membri del team… il vento è previsto, potrebbero esserci dei bordi. Devi essere vigile dall’inizio alla fine. Lo sprint non è possibile dato il corso. E anche se fosse successo in uno sprint, sarebbe in un piccolo gruppo, in uno snatch, come l’anno scorso.

“Non mi sento sul punto di esaurire”

Come pensi della tua stagione con sei vittorie e anche nove secondi posti?
Sono contento della mia stagione, ci sono stato tutto l’anno. È vero che negli ultimi tre mesi ho fatto tanti posti, da due (sette)… Arrivare al secondo posto non è un gran problema, ma allo stesso tempo ce n’è tanto!

Quando siamo a fine stagione, pensiamo davvero al recupero o continui a concentrarti sulla prossima gara?
Inevitabilmente, sappiamo che è l’ultima, ma non mi sento sopraffatto e sopraffatto dalla stagione che ho appena trascorso. Certo, puoi imbatterti in piloti che hanno fretta di fermarsi, ma per me non è così. La motivazione è sempre lì.

READ  Berardi, bomber italiano - TVA Sports

Se c’è un ricordo, una gara da ricordare della stagione?
Soprattutto il tour in Italia. Quello che ha fatto nel 2020 (ndr: 4 vittorie in tappe + punteggio) è stato enorme, ma la sua conferma quest’anno con 3 vittorie e una maglia ciclamino resta forte.

“Hugo Page? Lo vedo in buone condizioni”

Una parola su Hugo Page Chi è Chartrein è il teatro regionale?
Non sapevo fosse del posto… Hugo, l’ho conosciuto saltuariamente quando era a Conti Groupama (ndr: prima di firmare nel 2022 con i belgi di Intermarché-Wanty-Gobert) e questa stagione, alle gare è stato in grado di fare in Francia, con un colpo solo. Vedo che sta facendo bene a fine stagione *…

*Hugo Page ha terminato la quinta domenica a Famenne Ardenne e il terzo martedì a Binche-Chimay-Binche, due gare in Belgio.

Express Biografia di Arnaud Demari

31 anni, nata il 26 agosto 1991 a Beauvais (Oise). Squadra: Groupama-FDJ (dal 2011). ostilità.
I suoi successi nel 2022: 3 tappe del Giro d’Italia (prima nella classifica a punti); Strada d’Occitania; 1a tappa del Giro di Polonia; GP di Isbergues.
Le sue vittorie più importanti in carriera: Campione francese su strada (2014, 2017, 2020); Selassex Amburgo (2012); Milano Sanremo (2016); 2 tappe al Tour de France (2017 e 2018) e 8 tappe al Giro d’Italia (1 nel 2019, 4 nel 2020 e 3 nel 2022).

Jean-André Prevost

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.