Niger: una nuova grande manifestazione per chiedere la partenza dei soldati francesi

Niger: una nuova grande manifestazione per chiedere la partenza dei soldati francesi

Ulan Bator, Mongolia: lì si riversano i cattolici cinesi Mongolia Nel fine settimana per salutarci il Papa Godono di una pubblica dimostrazione di fede inimmaginabile nel loro Paese, pur rimanendo di “basso profilo” per paura di ritorsioni.

La Cina ospita circa 12 milioni di cattolici divisi da decenni tra celebrazioni religiose strettamente controllate dal Partito comunista e chiese sotterranee sostenute dal Vaticano.

La prima visita del Papa in Mongolia, alle porte settentrionali della Cina, ha spinto molti di loro a recarsi per vedere di persona il Papa Sovrano, mantenendo il segreto per evitare ritorsioni al loro ritorno nel Paese.

Nella piazza principale della capitale Ulan Bator, dove i fedeli si sono riuniti per vedere il Papa, molti di loro indossavano maschere e occhiali da sole per nascondere il volto.

Una donna cinese ha detto all’AFP che lei e i suoi compagni di viaggio dovevano “stare lontani dalla vista”, nonostante sulla piazza fosse issata la bandiera cinese.

«Alla dogana ci hanno chiesto se eravamo cattolici, allora abbiamo detto che eravamo in visita turistica», confida questa donna, che ha preferito restare anonima. Ha giustificato che esiste “una grande pressione sui cattolici in Cina”.

“Temiamo anche che al nostro ritorno saremo invitati a dei ‘colloqui’, che è un eufemismo per essere convocati per essere interrogati dai servizi di sicurezza”, dice.

Questa donna è arrivata in Mongolia con altre venti persone provenienti dalla Cina settentrionale e in grande segreto. “Non rischiamo che gli altri sappiano del nostro viaggio”, afferma.

Il Partito comunista cinese è ufficialmente ateo ed esercita uno stretto controllo sulle istituzioni religiose, compreso il monitoraggio dei sermoni e la selezione dei vescovi.

READ  In un abito Chanel, Charlotte Casiraghi ha reso omaggio a Grace Kelly al Bal de la Rose 2022

Da anni papa Francesco lavora per allacciare rapporti con Pechino e nel 2018 la Santa Sede ha raggiunto un accordo con la Cina che le permette di avere voce in capitolo anche nella scelta dei vescovi del Paese.

I credenti intervistati dall’AFP in Mongolia sperano che i rapporti si rafforzino ulteriormente, e alcuni di loro sognano addirittura una visita papale.

“Spero che il Papa venga in Cina”, ha detto all’AFP una donna cattolica di 75 anni di cognome Kong. “Le due parti dovrebbero impegnarsi in discussioni diplomatiche.”

Tamir Amarjargal, un turista di 26 anni proveniente dalla regione cinese della Mongolia Interna, ha lo stesso desiderio, anche se non è cattolico. Ma ammette: “È molto raro che un papa vada in Asia”.

Repressione in Cina

Lu Li, ingegnere petrolifero della provincia settentrionale cinese dell’Heilongjiang, non è credente, ma ha detto all’AFP di essere interessato alla cultura cattolica.

In preparazione alla sua visita in Mongolia, il 38enne ha detto di aver guardato “The Young Pope”, una serie televisiva satirica con un papa americano conservatore interpretato da Jude Law.

“Spero anche che il Papa visiti la Cina”, ha detto, sottolineando che “ogni Paese deve consentire alle persone di praticare liberamente la propria religione”.

Ufficialmente, la Costituzione cinese garantisce la libertà religiosa, ma le ONG affermano che le organizzazioni religiose subiscono regolarmente persecuzioni e la libertà di culto è ostacolata, una tendenza che si dice si sia rafforzata durante il mandato del presidente Xi.

Un visitatore cinese a Ulan Bator ha dichiarato: “Non possiamo entrare nelle chiese nei giorni cruciali come Pasqua o Natale” a causa delle intimidazioni delle autorità. Secondo lui le autorità “dicono una cosa e ne fanno un’altra”.

READ  Martedì la guerra in Ucraina entra nel suo quarto mese - rts.ch

Sabato il Papa ha cercato di convincere paesi come la Cina che non hanno motivo di diffidare della Chiesa e dei fedeli. “Governi […] Egli ha sottolineato che non hanno nulla da temere dal lavoro missionario svolto dalla Chiesa, perché non ha un’agenda politica da seguire.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *