Naufragio nel Canale della Manica | “Molte persone sono morte”

(Grande-Synthe) La salvezza è sufficiente: il giorno dopo un altro naufragio nella Manica, un giovane padre iracheno accampato da mesi sulla costa francese preferisce rinunciare al suo sogno inglese. Ha detto che “un numero molto elevato di persone è morto” nel tentativo di attraversare.


Il 30enne, originario di Mosul, dice di chiamarsi Sweika. Dopo aver lasciato l’Iraq nel 2019, è rimasto bloccato per sei mesi sulle coste francesi di fronte alla Gran Bretagna.

“Un amico di 14 anni è partito per l’Inghilterra. Un giorno la gente mi ha chiamato per dirmi che era morto. ‘Non posso restare qui’, ha detto, mentre aspettava che gli venisse servita una zuppa calda in un campo a Grande Synthe , vicino a Dunkerque, ‘altrimenti rischio di morire anch’io'”.

Molte persone morirono. non riesco più a dormire. Non voglio che un giorno il mio telefono rimanga senza risposta e un amico chiami mia moglie e mio figlio per dirgli che sono scomparso in mare, e che preferirei tornare in Iraq, dopotutto è meglio dell’Europa.

Lance Sweika con un sorriso amaro.

Il naufragio di mercoledì, che ha ucciso almeno quattro persone al largo di Dover, è sulla bocca di tutti in questo campo tra la raffineria e il porto di Dunkerque. Decine di afghani, sudanesi, pakistani e altri sono rimasti nel fango.

“Davvero non lontano”

Ma la tragedia è ben lungi dallo scoraggiare la voglia di partire, non più del freddo, che aumenta il rischio di traversata: con acque sotto i 10 gradi Celsius, le possibilità di sopravvivenza sono più basse che mai in caso di danni.

READ  Al confine con la Romania, un hotel di lusso serve gli sfollati ucraini

Il sentiero verso le tende è ancora avvolto dal ghiaccio nonostante il sole di mezzogiorno. E il vento taglia i loro magri cappotti bagnati.

“Cosa vuoi che facciamo lì… vogliamo attraversare, quindi stiamo aspettando qui”, sbotta un afgano trentenne omicida, con gli occhi incollati al telefono. Lancia pezzi di bancali, pellicola trasparente e avanzi per alimentare una debole fiamma.

Ali, sudanese di 22 anni, ha l’entusiasmo di un nuovo arrivato: è arrivato in Francia due settimane fa via Malta. “Fa molto freddo. Abbiamo le coperte, ma ieri pioveva, e poi la polizia porta via regolarmente i nostri bagagli”.

Ma sorride: sta per arrivare, pensa, e intende passare “appena può”.

«Sto aspettando il momento giusto per andare in mare», aggiunge Salif Sinba, 22enne maliano che sogna di diventare un calciatore in Gran Bretagna.

“Anche in Libia sarei potuto morire ‘attraversando il Mediterraneo verso l’Italia’, ma lì l’Inghilterra non è molto lontana”.

“nel fango”

Secondo Claire Milott, presidente dell’Associazione Salam che nutre i migranti, questi partono “appena il mare si calma”, a causa delle “miserevoli condizioni di vita”.

“Sono nel fango, senza servizi igienici, senza punti d’acqua. Non avevano tutti una tenda a causa dello smantellamento. Se vogliamo evitare che se ne vadano, dobbiamo accoglierli nella nostra casa”.

Più di 50.000 persone hanno tentato di attraversare dal 1Versetto Gennaio ha stabilito un nuovo record dall’inizio del fenomeno nel 2018, nonostante un accordo siglato a metà novembre tra Londra e Parigi per contrastare l’immigrazione clandestina.

Secondo l’associazione di sostegno agli immigrati Utopia, circa 800 persone risiedono a Grande-Synthe e circa lo stesso numero a Calais.

“Le partenze non sono da meno in inverno”, conferma Charlotte Quants, coordinatrice dell’associazione. “Una volta soddisfatte le condizioni, le partenze sono più intense e i servizi risultano ingombranti”.

READ  Ticketmaster agrees to pay $ 10 million in fines to solve fraud and piracy charges

La notte dell’affondamento, l’associazione afferma di aver allertato i servizi di emergenza alle 3 del mattino, ma non ha notato alcun salvataggio prima delle 4 del mattino nelle app di localizzazione della nave.

Spera di “indagare” sul possibile fallimento dei servizi di soccorso già implicati nell’annegamento che ha ucciso 27 persone nel novembre 2021. L’indagine è ancora in corso.

Da parte sua, le autorità francesi hanno confermato, giovedì, di aver fornito “tutto il loro sostegno e assistenza alle autorità britanniche durante questo processo”, coordinate da Londra.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.