Nati in un bar di Rennes, gli UFO Alvan e Ahez fondono voci electro e breton

Questo è un gruppo che non esisteva fino a pochi mesi fa. Tuttavia, sabato potrebbe essere nominato per rappresentare la Francia all’Eurovision, la cui finale si terrà a Torino (Italia) il 14 maggio.

Il 5 marzo il quartetto di Alffan e Ahiz farà parte dei 12 gruppi nominati per la selezione francese. In diretta su France 2, il programma Eurovision Francia, decidi tu Il pubblico e la giuria potranno votare per il successore di Barbara Bravy, che è arrivata seconda lo scorso anno e ha eguagliato il paese di Marie Miriam con l’European Singing Contest. Nel mezzo della definizione eterogenea, i peritoneo di Alpha e Ahes sembrano un UFO con il loro pezzo Volin. Cantato a Woods dal trio femminile Ahez, questo soprannome che significa “scintilla” è stato messo alla prova da Alvan Machines, un artista elettrico di Rennes.

Come molte buone (e non così buone) idee di Rennes, anche questa è nata al bancone del bar di Place Sainte-Anne. “Ho incontrato Maren (Lavigne, cantautrice) una sera all’Artiste Assoiffé e mi ha parlato del suo progetto musicale in bretone. Questa idea mi frullava per la testa da molto tempo. Avevo una produzione nel mio computer”. dice Alexis Morvan-Rosius, alias Alvin. .

La persona che qualche mese fa ha cantato sul palco dei Trans Musicales ammette di “non pronunciare la parola bretone”. Prima di incrociare la strada con Ahiz, aveva persino pensato di campionare la voce di sua nonna. È stato finalmente con un trio molto più giovane che si è lanciato in questa avventura un po’ folle. “Non pensavamo affatto di essere candidati all’Eurovision. È stato il mio manager che ha visto una pubblicità per la competizione a dircelo. Abbiamo pensato perché no, ma non pensavamo che saremmo mai stati scelti”, ammette Alvin .

READ  Uno yacht impressionante è affondato al largo delle coste italiane

Un brano selezionato tra 3000 filtri

Volin Riuscì a distinguersi tra i 3.000 pezzi inviati per la produzione. In virtù della sua energia e mix di generi e testo femminista, il titolo contraddice, confonde e talvolta disturba.

“Non pretendiamo di incarnare la musica tradizionale bretone. Per me la tradizione è l’opposto della purificazione. È piuttosto la trasmissione della conoscenza, un passato che deve essere cementato nel presente. Altrimenti la tradizione finisce nel museo e muore “, suppone Marin Lavigne.

La giovane donna che ora vive a Rennes ha incontrato Strain (Diridollou e Le Guillou) alla Diwan Preparatory and Secondary School di Karajs. A causa della loro passione condivisa per Can Ha Deccan, le tre donne non hanno smesso di cantare nella loro lingua regionale, che a volte associano alla musica jazz, classica o folk. La loro band è Eben. senza negare le sue origini. “Ho sempre amato cantare per ballare, dà un’energia incredibile al pubblico. C’è un lato euforico, qualcosa di inebriante che si trova nell’elettricità”, spiega la giovane cantante.

presunto pregiudizio femminista

Tra una settimana il quartetto salirà sul palco senza il marinenier ma con un nuovo outfit “a sorpresa” in onore di Brittany e della sua lingua, che tanto ha sofferto. Attraverso la loro canzone, Alphan e Ahiz intendono anche far sentire le voci delle donne. ” Volin, in bretone, questo significa una scintilla ma anche una bella ragazza. Questa canzone è l’allegoria di una donna che va a ballare al calar della notte e fa ciò che vuole, lanciando sguardi diffamatori in volo. “È un testo femminista che parla della liberazione delle donne”, dice Marin.

Sabato sera, lei e i suoi tre partner saliranno sul palco senza complicazioni. Con il semplice desiderio di “lasciarsi andare” e vedere dove li porterà la loro energia. “Accettiamo pienamente l’idea che la nostra musica non piacerà a tutti. L’Eurovision rimane una forma di intrattenimento, ci sarà qualcosa per tutti”, avverte Alvan. A maggio Torino può vibrare al ritmo di una lingua di non più di 200.000 parlanti, vendetta di persone a cui spesso è vietato parlare “e brezhoneg”.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.