Mosca afferma di aver “distrutto” una nave da ricognizione ucraina nel Mar Nero

Mosca afferma di aver “distrutto” una nave da ricognizione ucraina nel Mar Nero

MOSCA: La Russia ha annunciato martedì mattina di aver “distrutto” una nave da ricognizione militare ucraina nel Mar Nero, un luogo dove gli attacchi di russi e ucraini sono aumentati da quando Mosca si è ritirata a luglio da un importante accordo sul grano.

Per il quinto giorno consecutivo, la difesa russa ha dichiarato di aver abbattuto droni ucraini nella regione di Mosca, dove, come negli attacchi precedenti, secondo le autorità non sono state registrate vittime.

E il ministero della Difesa russo ha indicato su Telegram che un aereo da combattimento “dell’aviazione navale della flotta del Mar Nero ha distrutto, nella notte tra il lunedì e il martedì, una nave da ricognizione delle forze armate ucraine”.

Questa nave si trovava “nell’area degli impianti di produzione di gas russi nel Mar Nero”, secondo il ministero, che non ha fornito ulteriori dettagli sull’incidente.

Gli attacchi da entrambe le parti si sono moltiplicati nella regione del Mar Nero da quando Mosca, a metà luglio, ha rifiutato di rinnovare un accordo negoziato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia che avrebbe consentito l’esportazione di grano ucraino.

La Russia ha ripetutamente bombardato le infrastrutture portuali ucraine nel Mar Nero e sul Danubio, mentre l’Ucraina ha attaccato le navi russe nelle sue acque e nella Crimea, annessa da Mosca nel 2014.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato lunedì sera di aver “sventato” un attacco di droni ucraini e neutralizzato due aerei precipitati nel Mar Nero, “40 chilometri a nord-ovest” della penisola.

La difesa russa ha affermato che giovedì sera gli edifici della flotta russa sono stati oggetto di un attacco ucraino, effettuato da un drone navale mentre controllava la navigazione nel Mar Nero. Mosca ha detto che il drone è stato “distrutto” dal fuoco delle navi militari, senza raggiungere l’obiettivo.

READ  Le tensioni tra Francia e Italia hanno risvegliato le difficoltà dell'immigrazione europea

Regione di Mosca presa di mira

E martedì mattina, come ogni giorno da venerdì, anche la Russia ha annunciato di aver abbattuto droni ucraini nella zona della sua capitale.

Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato sull’applicazione Telegram che nella notte tra lunedì e martedì “due droni sono stati rilevati e distrutti dai sistemi di difesa aerea”.

Il ministero ha aggiunto che nessuno è rimasto ucciso nell’attacco.

Secondo il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin, via Telegram, uno dei due ordigni è stato sganciato nella regione di Krasnogorsk, situata a 20 chilometri a nord-ovest del Cremlino.

Martedì mattina, secondo un fotografo dell’AFP presente sul posto, la polizia di Krasnogorsk ha isolato il perimetro dell’edificio vicino ai rottami che giacevano a terra, poiché diverse finestre dell’edificio sembravano essere state fatte saltare.

L’agenzia di stampa russa TASS ha riferito che gli aeroporti internazionali di Mosca Domodedovo, Sheremetyevo e Vnukovo sono stati temporaneamente chiusi agli arrivi e alle partenze prima della ripresa delle operazioni.

Da diverse settimane sono in aumento gli attacchi di droni sul territorio russo, nella maggior parte dei casi senza causare danni o perdite di vite umane, e hanno preso di mira in particolare la capitale russa, che si trova a più di 500 km dal confine con l’Ucraina.

Alla fine di luglio e all’inizio di agosto degli ordigni sono stati distrutti sopra il quartiere degli affari di Mosca, a ovest della capitale, causando lievi danni alle facciate di due torri. A maggio due droni sono stati abbattuti sopra il Cremlino e altri hanno colpito condomini a Mosca.

E il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, alla fine dello scorso luglio, ha accolto con favore il fatto che “la guerra sta arrivando nelle terre russe”.

READ  Attività per celebrare i 50 anni delle relazioni italo-vietnamite

Zelenskij in Grecia

Nella regione russa di Bryansk, al confine con l’Ucraina, la difesa aerea ha rilevato due droni nella notte tra lunedì e martedì e sono stati neutralizzati prima che si schiantassero senza causare feriti, secondo Mosca.

Sul fronte, l’Ucraina ha recuperato in una settimana tre chilometri quadrati dalle forze russe vicino a Bakhmut, nell’est del Paese, mentre non ci sono stati “grandi cambiamenti” sul fronte meridionale, secondo quanto annunciato lunedì da Kiev.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, che questo fine settimana si è recato in Svezia, Paesi Bassi e Danimarca, continua il suo tour a sorpresa in Europa, in Grecia, fedele sostenitore dell’Ucraina dall’inizio del conflitto e che ha fornito a Kiev aiuti umanitari e armi.

La Grecia si è offerta di addestrare i piloti ucraini a pilotare i caccia F-16 che il paese riceverà presto, ha annunciato lunedì Zelenskyj.

Venerdì l’Ucraina ha accolto con favore la decisione degli Stati Uniti di consentire alla Danimarca e ai Paesi Bassi di inviare un totale di 61 aerei da combattimento F-16, una volta addestrati i piloti ucraini.

In base a un mandato d’arresto emesso dalla Corte penale internazionale, il presidente russo Vladimir Putin parteciperà in videoconferenza al vertice dei BRICS, che si aprirà martedì in Sud Africa, al quale si dirigerà il capo della diplomazia russa, Sergey Lavrov.

Sud Africa, Cina e India non hanno condannato Mosca dall’inizio del conflitto, e il Brasile ha rifiutato di unirsi ai paesi occidentali nell’invio di armi all’Ucraina o nell’imporre sanzioni alla Russia.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *