Morte di una ragazza su TikTok: l’Italia chiede responsabilità

L’Italia ha chiesto chiarimenti a Facebook e Instagram sull’accesso di minorenni ai due social, dopo che una bambina di 10 anni è morta durante una sfida “gioco del velo” su TikTok, ha annunciato mercoledì l’autorità competente.

• Leggi anche: TikTok bloccato in Italia dopo la morte di una ragazza

• Leggi anche: Una bambina di 10 anni muore per soffocamento su TikTok

L’Autorità Indipendente per la Protezione dei Dati Personali “ieri (martedì) ha aperto un procedimento riguardante Facebook e Instagram”, ha detto in un comunicato, precisando di aver preso questa decisione “volta alla tutela dei minori sui social network dopo il caso del ragazza di Palermo e il blocco imposto a TikTok ”.

Sulla scia della morte di questa ragazza, venerdì l’accesso a TikTok è stato bloccato per gli utenti la cui età non è garantita. Questa misura è in vigore fino al 15 febbraio, quando TikTok deve aver soddisfatto le richieste del regolatore italiano.

Questa decisione è stata presa con urgenza dopo l’annuncio della morte a Palermo (Sicilia, sud) della bambina di 10 anni, asfissiata mentre si riprendeva con il suo cellulare su TikTok.

Tuttavia, l’iscrizione di quest’ultima alla rete, molto apprezzata tra gli adolescenti, “non è stata rifiutata dall’azienda” nonostante l’età della ragazza, inferiore ai 13 anni minimi previsti da TikTok, aveva criticato il Garante per la protezione dei dati personali.

Quest’ultimo mercoledì ha osservato che “diversi articoli di stampa hanno riferito che la ragazza avrebbe diversi account aperti” su Facebook e Instagram.

L’Autorità ha quindi chiesto a Facebook, che controlla anche Instagram, di fornire una serie di informazioni, tra cui quanti profili aveva il minore e, se questo fosse confermato, di spiegare come fosse stato possibile per un minore sotto i dieci anni. anni di registrazione su entrambi i social network ”.

READ  Il piano alternativo di Renzi sul Fondo per la ripresa

L’Autorità “ha chiesto soprattutto precise indicazioni sui termini di iscrizione ai due social network e sulle procedure di verifica dell’età degli utenti adottate per monitorare il rispetto dell’età minima per potersi registrare”. Facebook ha 15 giorni per rispondere a queste richieste.

Secondo l’Autorità, “le attuali verifiche saranno estese ad altri social network, in particolare per quanto riguarda le modalità di accesso dei minori”.

Questo stesso ente aveva già avviato un procedimento contro TikTok nel dicembre 2019, criticandolo per la sua “scarsa attenzione alla tutela dei minori, la facilità di aggirare il divieto di registrazione per i più piccoli e la mancanza di trasparenza e chiarezza delle informazioni fornite a utenti nonché impostazioni predefinite che non rispettano la privacy ”.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *