Montreal in the Italian Style: Reclaiming Society’s History

Con la mostra Montreal in stile italianoE il Museo Pointe-à-Callière Onora la comunità italiana. Con una collezione di oltre 300 oggetti, la mostra evidenzia il suo contributo alla cultura di Montreal dall’inizio del XX secolo.

Diviso in cinque spazi, Montreal in stile italiano Presenta vari aspetti della cultura italo-montrealese, dall’esperienza dell’immigrazione all’arte, alla cucina e alla religione.

Nella prima sala troviamo oggetti legati al lavoro di immigrati italiani, macchine da cucire, strumenti artigianali o anche cose di marchi famosi come Catelli o Gattuso.

Dopo aver attraversato la seconda stanza, concepita come una tipica casa italiana a Montreal, arriviamo in un caffè, un luogo dove le persone possono riunirsi con distinzione. Questa è un’occasione per parlare di sport, ma anche di lotte sociali e dell’impatto del fascismo sulla comunità italo-montrealese negli anni ’30 e ’40.

La visita prosegue con una sosta alla chiesa, che rievoca l’importanza delle parrocchie nella storia della comunità italiana a Montreal.

“La prima parrocchia italiana è stata fondata nella Vecchia Montreal all’inizio del XX secolo”, afferma Samuel Moreau, direttore del progetto di Pointe-à-Callière.

“Fu solo negli anni 1910-1920 che gli italiani si raggrupparono in quella che oggi viene chiamata la Piccola Italia. Poi si recarono nei quartieri più a est – come Anjou, Saint-Léonard o Rivière-des-Prairies – e ad ovest fino a LaSalle”.

I residenti di Italo-Montrealers oggi sono presenti in tutte le zone di Montreal e continuano a condividere l’entusiasmo culturale della città. Su questo tema si conclude una mostra che espone molte opere d’arte e molti artisti di questa comunità.

Oggetti del passato

Gli oggetti in mostra in ciascuna delle stanze della galleria hanno la particolarità di essere in gran parte prestati dalle famiglie italiane di Montreal. Sono accompagnati da video, format interattivi e testimonianze che ci permettono di immergerci nel passato.

READ  Saint Gobain: Ordini di distribuzione in Spagna e Italia

“La mostra comprende 325 pezzi che sono serviti come punto di partenza per raccontare la storia di questa comunità e mostrare come ha contribuito a costruire Montreal e a plasmare l’identità di Montreal”, spiega Morrow.

Oggetti non facili da assemblare, soprattutto in tempi di pandemia. A questo punto Pointe-à-Callière ha potuto contare sull’aiuto di diverse organizzazioni vicine alla comunità, come Casa Italia, O il Congresso Nazionale degli Italocanadesi.

“Siamo molto grati alle famiglie che hanno accettato di prestarci queste cose e di rinunciarci per quasi un anno”, conferma il signor Morrow.

Vai oltre?

Sebbene la mostra esplori molti temi, il responsabile degli affari culturali di Casa d’Italia, Pietro Luca, è rimasto affamato. Appassionato della storia del Quebec e degli italiani, avrebbe voluto menzionare anche l’esistenza degli italiani prima del XX secolo.

Molte personalità italiane hanno partecipato alla cartografia, esplorazione e fondazione della Nuova Francia. Trovo spiacevole che questa parte della storia non sia trattata. È stata una vera opportunità per raccontare la storia degli italiani in Quebec “.

Cita tra l’altro Giovanni da Verrazzano, inviato dal re di Francia Francesco I il 16 e che ha esplorato l’intera costa orientale del Nord America, in particolare il battesimo di Acadia “Arcadia”.

“Esattamente dove si trova Pointe-à-Callière, c’era il Museo Italiano, il museo di storia naturale.” “Almeno avrebbe potuto essere recuperato”, dice Luca.

Pur riconoscendo che molto si sarebbe potuto dire sull’argomento, il signor Morrow ricorda che la mostra aveva lo scopo di collegare la storia della società piuttosto che la storia di personaggi storici.

“Non credo che il nostro punto di vista sia riduzionismo. Al contrario, ci concentriamo su molti aspetti della cultura italiana di Montreal. Volevamo concentrarci su aspetti più locali per vivere la vita quotidiana di questa comunità in epoche diverse”.

READ  La crescita francese non si è fermata nel primo trimestre

La mostra, iniziata il 10 marzo 2021, durerà fino al 9 gennaio 2022.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *