Montreal | È iniziata la vaccinazione di massa

Una campagna di vaccinazione di massa tra la popolazione è iniziata sull’isola occidentale di Montreal, sulla Cote Saint-Luc. Il primo giorno di effrazione, in quanto il periodo di attesa può arrivare fino a due ore il lunedì mattina, provocando impazienza ed eccitazione tra coloro che hanno atteso in coda il lunedì mattina.


Maysa FarahMaysa Farah
Giornalismo

Dopo essere stato evacuato su una sedia nell’angolo di un corridoio, Abi Kaufman, 97 anni, aspetta con sua figlia. È arrivato una ventina di minuti prima dell’appuntamento, spiegando con un grande sorriso l’impazienza di farsi vaccinare.

La sua nomina sarà probabilmente ritardata di almeno un’ora, come si rende immediatamente conto. “Almeno stavo per fare il vaccino! Ma hey, il ginocchio sta davvero iniziando a farmi male … Sono arrivato un po ‘in anticipo perché non voglio perdere il mio appuntamento e mi sono dimenticato.”

Il vivace ingresso al centro commerciale Carré Décarie accoglie i residenti di Montreal dagli 80 anni in su che hanno programmato il loro appuntamento in anticipo. La maggior parte di loro sono accompagnati, ma alcuni sono venuti da soli. Vedono la fila infinita apparire disordinata e instabile a causa dell’operazione, del rumore, della folla e dell’attesa.

“Chiediamo alle persone di venire solo dieci minuti prima del loro appuntamento. In caso contrario, creiamo traffico non necessario”. Francine Dupuy, Vicepresidente e CEO di CIUSSS du Centre-Ouest-de-l’Île-de-Montréal, spiega: “È di inutile. Che aspettare in fila. ”

Le persone devono registrare, ripetere o la loro dose non verrà presa.

Carré Décarie, un centro commerciale sull’omonima via, è al momento il più grande sito di vaccinazione sul terreno del CIUSSS du Centre-Ouest-de-l’Île-de-Montréal. Altri due siti dovrebbero aprire a metà marzo.

Questo primo giorno “non è al centro della questione”, ammette M.sono Dupuy, citando “Alcuni problemi con il computer”.

Ma quelli che arrivano sembrano arrabbiati, sorpresi dalla lunga attesa, e se ne vanno con un sorriso

Harry Bakowitz, sollevato per la sua prima dose. “Finalmente, il primo passo verso una vita normale”, dice, con gli occhi umidi e speranzosi. L’85enne aveva un appuntamento alle 9:30, ma ha aspettato fino alle 11:30 prima di ricevere l’iniezione.

Maria Santos ha aspettato più di un’ora con i suoi genitori Albino, 91 anni, e Nattercia, che ha compiuto 87 anni. “È stato difficile per loro aspettare, si stancano molto velocemente. Ma bisogna abituarsi, nella vita ce ne sono di peggio. Alcune persone diventano aggressive in fila. Sono felici, è la loro prima uscita dall’ultima Marzo.”

Linda Holtzman si precipita nell’affollato centro commerciale per cercare sua zia novantenne. Difficile trovare parcheggio vicino al centro. “La stavo cercando, poi l’ho spinta a non mancare all’appuntamento. Penso che abbia sbagliato strada, perché non la vedo nel percorso riservato per la sua fessura cronologica.”

Ha cercato aiuto da Vincent de Angelis, l’agente sociale e comunitario di SPVM. L’agente di polizia è uno dei quattro agenti responsabili di garantire la distanza e la sicurezza degli edifici. Sia all’aperto che al chiuso, a volte aiuta gli anziani a salire le scale ed essere diretti.

“Siamo stati chiamati per assicurarci che tutto andasse bene, e comprendiamo la pressione che le persone stanno attraversando. Ci sono molte persone, ma finora molto buone. L’agente De Angelis spiega che solo venire a trovarci in uniforme rassicura le persone. ”

READ  Gli sciami di meteoriti più belli dell'anno

Francine Dupuy stima che “al momento” ci siano sufficienti vaccinatori, ma la carenza di personale potrebbe diventare un problema quando tutti i centri funzioneranno a pieno regime.

Stiamo attivamente cercando un centinaio di persone che si prendano cura del nostro turnover dei dipendenti “, ha detto ai giornalisti del CIUSSS du Centre-Ouest-de-l’Île-de-Montréal. “È molto complicato, ha molta logistica. Dobbiamo formare queste persone e dobbiamo mostrare loro il sistema informatico; devono adattarsi”, spiega.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *