Monkeypox: un nuovo piano di risposta in Marocco

Il Ministero della Salute ha aggiornato il protocollo sanitario volto al controllo del vaiolo delle scimmie dopo l’evoluzione della situazione epidemiologica a livello internazionale e il miglioramento della comprensione della malattia.

In una circolare ministeriale, Khaled Ait Talib ha informato i direttori sanitari regionali di questo secondo aggiornamento del protocollo. Ciò è giustificato dallo “sviluppo della situazione epidemiologica a livello internazionale e dal miglioramento della conoscenza delle caratteristiche epidemiologiche legate a questo episodio epidemiologico”.

L’aggiornamento riguarda in primo luogo la definizione precisa della condizione probabile, che ora corrisponde a chiunque si presenti con un’eruzione cutanea, vescicolare o vescicolare-pustolosa, preceduta o accompagnata da febbre uguale o inferiore a 38 gradi. Il ministero presenta altri sintomi come la varicella, il morbillo, l’herpes, il rachitismo e ogni possibile reazione allergica.

Inoltre, una persona è considerata un caso probabile se è entrata in contatto con un caso confermato entro 21 giorni prima della comparsa dei sintomi. Pertanto, si presume che una persona sia un caso probabile se visita un paese con il vaiolo e dove la malattia viene trasmessa da uomo a uomo.

La contaminazione deve essere immediatamente denunciata all’autorità sanitaria regionale o provinciale competente per la struttura sanitaria in cui la diagnosi è stata menzionata dal medico. L’autorità sanitaria competente deve quindi dichiarare questo caso alla direzione regionale, che lo convalida d’intesa con il Centro nazionale per le operazioni di emergenza sanitaria (CNOUSP).

Una volta che un caso è confermato, è soggetto a un rigido protocollo di gestione e l’indicazione al ricovero in ospedale per casi probabili o confermati si basa sulla valutazione medica.

Attualmente, solo i centri dell’ospedale universitario (CHU) possono analizzare campioni per confermare i casi di vaiolo delle scimmie. La nuova versione del piano di risposta sottolinea che i bambini, le donne in gravidanza, le persone immunocompromesse, come le persone sieropositive con malattie croniche scarsamente controllate o scarsamente controllate, nonché i pazienti con malattie della pelle Malattie cutanee croniche o acute, vengono presi in considerazione . rischio.

READ  Questo segno annuncia una rottura romantica secondo la scienza

Il documento prevede anche il trattamento destinato ai pazienti. Oltre a una buona idratazione, il dipartimento consiglia di assumere antipiretici o analgesici come paracetamolo o tramadolo oltre a integratori di vitamina A.


You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.