Mondiali di calcio a otto: Montmagny lamenta insulti razzisti a Roma

“Siamo stati felici di andare a Roma per competere nel Campionato Mondiale per Club a 8 uomini e alla fine siamo tornati amareggiati e frustrati! Mohamed Shawky, Presidente di B2M (“Bande de Montmagny”) ha pronosticato il meglio dal suo rumeno I sette specialisti del calcio, il campione di Francia ha lanciato Un attacco al calcio a 8 giocatori.In una competizione ospitata dalla Società Sportiva Totti, formazione dell’ex nazionale italiano Francesco Totti, Montmany ha dovuto lottare contro le intemperie. Abbiamo partecipato alle competizioni in Brasile e in Messico”, dice Shawky. Abbiamo sempre perso le regole dell’arte “Ma non a Roma. Sul campo eravamo pronti. Ma gli italiani hanno deciso che le squadre straniere non sarebbero andate fino in fondo. Inoltre, in le ultime quattro, ci sono quattro squadre d’oltralpe”.

Lontani dai fatti del gioco, i giocatori di Montmagny si sono lamentati del razzismo. “Abbiamo sentito le urla delle scimmie. Non appena un nostro giocatore di colore ha preso la palla, siamo stati insultati. Non ce lo aspettavamo venendo alla Roma. I giocatori del Flamengo, che sono stati allenati da Alder, il campione del mondo 1994 , ed uscito nei quarti di finale, sarebbe stato anche umiliato per gli stessi motivi.

Nel gioco, i Val Dawazen hanno spesso fatto soffrire i loro avversari. Esce al secondo posto nel suo girone dopo due pareggi contro gli italiani Treviso (1-1) e Swadlab (5-5) e una vittoria (4-2) su Lisbona, e Monmagni è caduto negli ottavi di finale contro Pepino ( 1-2). ). “Contro lo Swadlab, il futuro vincitore di questo evento, siamo in vantaggio 5-3. Siamo uniti dopo infinite pause. ” Mohamed Shawky non capisce come gli arbitri siano riusciti a concedere 8 minuti di tempo supplementare negli incontri 2 volte 25 minuti. Ha ripetuto in un ruolo il 16. Siamo in vantaggio 1-0. Un giocatore viene espulso a fine gara. E ancora l’arbitro concede 8 minuti di recupero. Avremmo giocato finché non avesse vinto Peprino. “

READ  Auger-Alissem esce dai primi venti

“Nonostante quello che ci è successo, sono orgoglioso dei miei giocatori. Avevamo il livello per andare lontano in questa competizione. Siamo riusciti a mantenere la calma nonostante gli insulti. In un certo senso, ci siamo uniti ancora di più. Questo è quello che abbiamo da ricordare del nostro viaggio a Roma”. E le foto scattate al Colosseo restano un bel ricordo”.

Per il campione francese di FSGT nel calcio a 7, il resto si svolge a Barcellona a settembre con le due maggiori competizioni che si susseguono, World Club (17-19) seguita da World of Nations (20-22). “Non è ancora certo, ma la competizione si svolgerà presso il centro di allenamento del Barcellona”, ha già iniziato Shawky a sbavare.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.