Milan e Inter non proprio “grandi”, la Juve lo sta facendo

Dopo tre frenetiche giornate in Super League, il ritorno in campo non è stato dei più facili per i dirigenti del calcio italiano, con una pesante sconfitta per il Milan e un pareggio deludente ma senza conseguenze per la capolista Inter.

Solo la Juventus è uscita da una partita iniziata male contro il Parma (3-1) per salire temporaneamente al 3 ° posto, in attesa che l’Atalanta (4 °) si trasferisca giovedì all’AS Roma al termine di questa 32a giornata.

A differenza della competizione quasi chiusa immaginata da Andrea Agnelli e Florentino Perez, la Champions League dovrà essere guadagnata in campo. E la sconfitta subita in casa dal Milan, dominata dall’entusiasmo del Sassuolo e del suo giovane attaccante Giacomo Raspadori (1-2), complicherà questo obiettivo prioritario della stagione rossonera.

“Una sconfitta è sempre una grande delusione ma dobbiamo trasformarla in determinazione, il nostro futuro dipenderà dagli scontri diretti”, ha detto il tecnico Stefano Pioli, pensando alla prossima trasferta alla Lazio Roma.

“Non eravamo distratti”, ha detto per escludere qualsiasi influenza dai disordini della settimana legati alla Super League.

Prima della partita, Paolo Maldini, leggenda del club e attuale direttore tecnico, aveva chiesto scusa ai tifosi.

Il milanese, ancora privo di Ibrahimovic, infortunato, apre le marcature con un bel tiro di Hakan Calhanoglu (30 °). Ma il portiere Andrea Consigli ha mantenuto il Sassuolo grazie a buoni interventi davanti ad Alexis Saelemaekers (55 °) e poi a Calhanoglu (61 °).

E nel gioco dei cambiamenti, Roberto De Zerbi, intervenuto martedì a favore del boicottaggio di questa partita per l’impegno milanese in Super League, è stato il più ispirato lanciando Raspadori, autore di una doppia decisiva (76 °, 83 °).

READ  La tradizione del Carnevale in Italia

– Inter, che spreco! –

L’Inter non ha sfruttato appieno questa battuta d’arresto rossonera prendendo solo un punto da La Spezia (1-1).

I Liguri (15 °) hanno segnato all’unico tiro della gara (Diego Farias, 12 °) approfittando di un errore del portiere Samir Handanovic.

Gli interisti, riportati in rete da Ivan Perisic (39 °), si sono dati da fare per sprecare tutti i loro palloni dopo l’intervallo, in particolare Lukaku davanti al portiere (68 °) mentre Lautaro Martinez ha trovato il palo (80 °).

A sei gare da disputare, i dieci punti di vantaggio sul Milan e gli undici sul torinese offrono ancora un comodo margine ad Antonio Conte che ha assaporato “la bella prestazione” nonostante i fallimenti.

“È inevitabile che mentre vedi il traguardo ci sarà un po ‘di pressione”, ha aggiunto.

Brutta partenza anche per la Juventus, battuta su una splendida punizione di Gaston Brugman che ha lasciato lontano dal pallone Gianluigi Buffon, titolare della serata contro l’ex club (25 °).

E non è stato il duo offensivo Ronaldo-Dybala a far uscire i bianconeri da questa brutta situazione ma i difensori: Alex Sandro prima con una preziosa doppietta, bella sequenza control-strike poco prima dell’intervallo (43 °) poi di testa subito dopo ( 47 °). E Matthijs De Ligt ha messo via la sua gente (68 °) dopo che Arthur ha parato il pareggio sulla sua linea.

“Il nostro primo avversario è la testa. Non è stato facile, sono successe tante cose in questi giorni, ma siamo rimasti con la giusta attenzione”, ha detto Andrea Pirlo.

Un sollievo anche per il suo presidente Andrea Agnelli, in tribuna, dopo questi tre giorni di bufera dopo l’annuncio e poi la morte della Super League che tanto sognava.

READ  Il pronipote di Mussolini diventa professionista con la Lazio

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *