Migranti: le Ong denunciano un controverso accordo tra Italia e Libia

Non c’è dubbio per l’Italia di rinnovare l’accordo con la Libia che mira a impedire a migranti e rifugiati di raggiungere le coste europee. Questo è l’appello di queste centinaia di manifestanti nelle strade di Roma mercoledì. Per le ONG per i diritti umani all’origine di questa mobilitazione, l’Italia non può fare un accordo con un Paese dove i migranti sono torturati, vittime di schiavitù o abusi sessuali. Chiedono al governo della Georgia Meloni un’azione urgente.

In base all’accordo del 2017 firmato con il sostegno dell’Unione Europea, l’Italia contribuisce al finanziamento, all’addestramento e all’equipaggiamento della Guardia Costiera libica, che poi intercetta i migranti nel Mediterraneo e li rimpatria dalla forza verso la Libia.

L’Europa, difensore dei diritti umani, non deve in nessun caso concludere un accordo con un Paese […] in cui i migranti sono torturati, sottoposti a schiavitù o abusati sessualmente“, ha affermato Claudia Lodesani, responsabile di Medici Senza Frontiere (MSF) in Italia, durante una conferenza stampa a Roma.

Gli attivisti affermano che quasi 100.000 persone sono state intercettate in questo modo in cinque anni. Molti sarebbero finiti nei centri di detenzione libici, paragonati da papa Francesco ai campi di concentramento.

I critici deplorano una mancanza di responsabilità, senza trasparenza sui beneficiari dei fondi europei, mentre le Ong denunciano una situazione di “selvaggio West” con milizie armate che si atteggiano a guardie costiere libiche.

L’appello di 40 organizzazioni, tra cui MSF, chiede un’azione urgente da parte del nuovo governo italiano di estrema destra, che ha prestato giuramento nel fine settimana.

Se la Roma non risolve l’accordo entro il 2 novembre, si rinnoverà automaticamente per tre anni.

READ  Valencienne. Con Cacio Pepe, i sapori d'Italia al Passage de l'Arsenal

Nel suo discorso inaugurale al parlamento, martedì il nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni si è impegnato a prendere una linea dura sui migranti in barca.

L’Italia è da tempo in prima linea nella migrazione, accogliendo ogni anno decine di migliaia di persone che tentano la traversata più letale del mondo.

Ha concluso negli anni 2000 numerosi accordi con il dittatore libico Muammar Gheddafi sulla riduzione dei flussi migratori.

La partnership è stata sospesa in seguito alla caduta del governo libico e alla condanna dell’Italia da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2012 per aver intercettato e rimpatriato con la forza persone in Libia.

Ma le guerre in Siria, Iraq e Libia hanno scatenato un’ondata di profughi nel 2015, con oltre 150.000 persone che hanno attraversato il mare in barca verso l’Italia, seguite da oltre 180.000 nel 2016.

Altre migliaia di persone sono morte cercando di attraversare il Mediterraneo.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.