Mediterraneo: oltre 1.400 migranti soccorsi in viaggio verso l’Italia


PPiù di 1.400 migranti sono arrivati ​​questo fine settimana a bordo di circa 15 barche sulla piccola isola di Lampedusa, nel sud Italia, hanno riferito i media, mentre una ONG ha avvertito che centinaia di altre persone erano in difficoltà nelle acque maltesi. Quasi 400 migranti di diverse nazionalità, tra cui 24 donne e bambini, erano a bordo di una nave che è stata intercettata al largo di Lampedusa, hanno detto le agenzie di stampa italiane. Un’altra barca di 20 metri che trasportava 325 persone è stata intercettata a circa otto miglia dalla costa dell’isola, mentre centinaia di altri migranti sono arrivati ​​con imbarcazioni più piccole.

Questi arrivi di migranti sono stati denunciati da Matteo Salvini, leader del partito di estrema destra della Lega italiana, processato per aver bloccato i migranti in mare nel 2019 quando era ministro dell’Interno. “Con milioni di italiani in difficoltà, non possiamo pensare a migliaia di clandestini”, ha detto, chiedendo un incontro con il presidente del Consiglio Mario Draghi.

Situazione critica al largo di Malta

La ONG Alarm Phone, che gestisce una linea di emergenza per aiutare i migranti, ha chiesto aiuto per far salire i passeggeri da cinque barche che trasportano più di 400 persone al largo di Malta. “La situazione a bordo è critica […] Il salvataggio è necessario ora! »Ha sottolineato questa organizzazione.

LEGGI ANCHEMigranti: Agadez sotto pressione dagli hotspot di Macron

Le autorità giudiziarie siciliane hanno intanto rinnovato questo fine settimana un provvedimento che vieta qualsiasi intervento in mare della nave di soccorso Sea-Watch 4 di una ONG tedesca che ha dovuto tenerla all’ancora nel porto di Palermo, in Sicilia (sud Italia), per sei mesi, fino a marzo, a seguito di un sopralluogo che le ha consentito di trovare a bordo troppi giubbotti di salvataggio per le sue dimensioni.

READ  La Francia non darà all'Italia un'altra scadenza per riacquistare i cantieri atlantici

I membri della ONG ritengono che l’ispezione sia stata per le autorità un modo indiretto per bloccare l’edificio e impedirgli di portare aiuti ai migranti in mare. “Speriamo che le autorità non ci impediscano di recarci nel Mediterraneo centrale con le stesse assurde accuse a cui siamo abituati”, ha twittato venerdì. Sea-Watch Italia al ritorno dalla sua ultima missione. Un’altra nave, Sea-Watch 3, era stato bloccato a marzo dalla guardia costiera al porto siciliano di Augusta, con il pretesto, ancora una volta, di problemi di sicurezza.

Nonostante la crisi sanitaria legata alla pandemia causata dal coronavirus, è proseguito il movimento di migrazione clandestina dai Paesi del Maghreb, in particolare Tunisia e Libia, verso l’Europa, in particolare verso l’Italia dove i migranti sperano di trovare lavoro e prospettive. Circa 530.000 migranti hanno raggiunto le coste italiane dall’inizio del 2015, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), un’organizzazione intergovernativa con sede a Ginevra. Tra l’1è Il 21 gennaio e il 21 aprile 2021, 8.604 persone sono arrivate in Italia e 65 a Malta, mentre 359 sono morte durante il viaggio, secondo l’OIM.


You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *