Martedì una tempesta ha minacciato il lancio di un gigantesco razzo della NASA sulla luna

Le difficoltà sono legate al primo decollo del nuovo enorme razzo della NASA verso la luna.

• Leggi anche: Dopo le riparazioni, un test a terra riuscito di un razzo della NASA sulla luna

• Leggi anche: Difesa planetaria: nave pronta a scontrarsi con un asteroide per deviarne la rotta

• Leggi anche: La NASA ritarda nuovamente il lancio del suo razzo sulla luna

Dopo due tentativi di lancio falliti alcune settimane fa a causa di problemi tecnici, il nuovo tentativo previsto per martedì per la missione Artemis 1 è ora minacciato da una tempesta in formazione nei Caraibi.

Non ancora chiamato Tropical Depression Nine, si trova attualmente sotto la Repubblica Dominicana. Ma dovrebbe trasformarsi in un uragano nei prossimi giorni e salire attraverso il Golfo del Messico fino alla Florida, dove si trova il Kennedy Space Center da dove verrà lanciato il razzo.

“Il nostro piano (a) è quello di continuare il corso e fare un decollo il 27 settembre”, ha detto venerdì il funzionario del Kennedy Center Mike Bolger.

“Ma se dobbiamo passare al Piano B, abbiamo bisogno di alcuni giorni per concentrarci sulla nostra squadra attuale (…) e riportare il missile a proteggere il suo edificio di assemblaggio”, ha aggiunto.

La NASA controlla da vicino ogni bollettino meteorologico.

“Probabilmente prenderemo una decisione entro domani mattina (sabato mattina, ndr) o nel primo pomeriggio”, ha detto Bolger.

Il missile SLS arancione e bianco può resistere, sulla rampa di lancio, a raffiche di vento fino a 137 km/h.

Se deve essere fornito un riparo, l’attuale periodo di riprese, che dura fino al 4 ottobre, sarà perso. Il periodo successivo va dal 17 al 31 ottobre, con possibilità di un decollo al giorno (tranne dal 24 al 26 e 28 ottobre).

READ  Fortnite cambia il formato della PlayStation Cup per luglio

Questa battuta d’arresto sarebbe un duro colpo per la NASA, che ha appena superato altri due problemi.

All’inizio di settembre il decollo è stato annullato all’ultimo minuto a causa di una fuoriuscita di idrogeno liquido durante il riempimento dei serbatoi con questo carburante. Da allora il sigillo danneggiato è stato sostituito e questa settimana la NASA ha superato un test a terra per verificare le riparazioni.

Inoltre, la US Space Force, responsabile della sicurezza pubblica, ha concordato di estendere il periodo di certificazione per le batterie del sistema di autodistruzione di emergenza del missile. Questa eccezione doveva essere concessa per poter decollare martedì o nella data di backup, il 2 ottobre.

La finestra delle riprese dovrebbe aprirsi martedì alle 11:37 ora locale per un periodo di 70 minuti. Se decolla in quel giorno, la missione durerà 39 giorni, fino all’atterraggio nell’Oceano Pacifico il 5 novembre.

Non trasporterà astronauti e Artémis 1 deve essere utilizzato per verificare che la capsula Orion, situata sopra il razzo, sia sicura per trasportare un equipaggio sulla luna in futuro.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.