Malfede russa e supporto italiano

Ti sei perso gli ultimi eventi sulla guerra in Ucraina? Niente panico, 20 Minutes fa il punto per te ogni sera alle 19:30 Chi ha fatto cosa? Chi ha detto cosa? Dove siamo? La risposta qui sotto:

notizie del giorno

La Russia nega fermamente il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico. È “stupido e assurdo” sospettare che dietro le massicce fughe di notizie rilevate dopo le esplosioni che hanno colpito il Nord Stream ci sia Mosca, ha affermato il Cremlino, mentre gli europei denunciano il “sabotaggio”.

“Era abbastanza prevedibile” che alcuni avrebbero incolpato la Russia, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Prevedibili, stupidi e assurdi”, ha aggiunto, dicendo che le fughe che hanno interessato il Nord Stream 1 e 2 sono state “problematiche” per Mosca, perché il gas russo che fuoriesce da loro “è molto costoso”.

Il numero del giorno

30.000 I soldati ucraini hanno ricevuto una medaglia al coraggio dal 24 febbraio, quando è iniziata l’invasione, ha detto il presidente Volodymyr Zelensky in un discorso video agli studenti e al personale dell’Università di Harvard.

sentenza del giorno

Sai che puoi contare sul nostro leale sostegno alla causa della libertà del popolo ucraino. Rimani forte e mantieni la tua fede incrollabile!

Questo il tweet – in inglese – di Giorgia Meloni al presidente ucraino Volodymyr Zelensky. L’Ucraina potrà infatti contare sull’appoggio del prossimo governo italiano, ha assicurato martedì sera il futuro Primo Ministro del Paese, dopo che il suo partito postfascista, Fratelli d’Italia (FdI), ha vinto domenica le elezioni legislative.

La tendenza del giorno

Le autorità filo-russe delle regioni ucraine di Lugansk e Kherson hanno annunciato mercoledì di aver chiesto al presidente Vladimir Putin di unirsi alla Russia, il giorno dopo un voto di annessione ampiamente condannato dalla comunità internazionale.

READ  si chiamerà SF21 la Rossa che verrà scoperta a Barcellona

“Caro Vladimir Vladimirovich (…), ti chiedo di considerare la questione dell’adesione della Repubblica popolare di Lugansk alla Russia come soggetto della Federazione Russa”, ha affermato il leader separatista filo-russo di Lugansk (è ), Leonid Passetchnik, in un testo pubblicato su Telegram. Una lettera simile è stata inviata da Vladimir Saldo, che dirige l’amministrazione dell’occupazione a Kherson (sud).

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.