Mackenzie Hughes sogna la Presidents Cup

Mackenzie Hughes sogna la Presidents Cup

Sebbene Mackenzie Hughes abbia sede nel Mississippi, il suo spirito è in realtà a Montreal. Lì vicino, nelle paludi, stava già pensando ai colori autunnali sugli alberi del Royal Montreal, dove l’anno prossimo si terrà il prossimo torneo della Presidents’ Cup. Tutta la sua stagione sarà dedicata a questo.


“Il mio obiettivo è giocare con Mike Weir e far parte della squadra della Presidents Cup.”

Hughes ha detto durante una conferenza stampa martedì pomeriggio.

Il golfista canadese vuole far parte di questa squadra internazionale perché riunirà alcuni dei migliori golfisti del mondo. Ma soprattutto vuole avere il privilegio di giocare con Weir.

Hughes lo incontrò per la prima volta nel 2004, quando era volontario al Canadian Open. Secondo l’atleta 32enne, questo fine settimana avrebbe voluto diventare un giocatore di golf professionista.

All’epoca, Weir era un campione in buona fede, avendo vinto il Masters un anno prima. “Possiamo chiudere il cerchio con la Presidents Cup”, insiste Hughes.

Il suo desiderio di lavorare fianco a fianco con Weir era tale che a giugno suggerì di poter scambiare le sue due vittorie nel circuito del PGA Tour con un posto nella squadra capitanata dal mancino.

Errore americano

Lo scorso fine settimana, la squadra europea ha battuto quella americana per 16,5 a 11,5 nella Ryder Cup in Italia.

Come tutti gli appassionati di golf, Hughes osservava la competizione. Nel suo caso, è perché guadagnandosi un posto nella squadra internazionale, potrà fare squadra con diversi membri di quella squadra americana il prossimo autunno.

Ma gli americani sono fallibili. Anche se erano tanti ai vertici delle classifiche mondiali, era possibile batterli in questo tipo di competizione. Il dominio del Team Europe lo ha dimostrato.

“Con i tifosi coinvolti e giocando come una squadra, è possibile ottenere questo tipo di risultati e battere questi giocatori. […] È bello sapere che questi ragazzi possono essere battuti. »

Finitura migliore

Nel frattempo, anche se parla liberamente delle sue speranze, Hughes dovrà giocare abbastanza bene la prossima stagione per convincere Weir ad essere uno dei candidati selezionati.

La nuova stagione del PGA Tour inizia giovedì con il Sanderson Farms Championship, a Jackson, Mississippi, dove Hughes ha trionfato l’anno scorso. “Fu l’inizio di un sogno”, ricorda.

Quindi arriva al torneo con l’intenzione di difendere il suo titolo. Dovrà approfittare dell’assenza di gran parte dei big per intrufolarsi nei gironi finali di domenica pomeriggio.

Nel contesto attuale, una vittoria nel PGA Tour in questa stagione gli darebbe un biglietto quasi automatico per la squadra internazionale. Deve però dimenticare gli insuccessi subiti la scorsa stagione. Nei suoi ultimi 11 tornei, è stato eliminato sette volte nei round del fine settimana.

Ha addirittura concluso l’anno a 51 anniH testa di serie nella FedEx Cup, a un posto dal poter continuare la sua stagione nei playoff.

Sono caduto in crisi dopo il Master. Non so davvero perché sia ​​successo.

Mackenzie Hughes

Hughes ha avuto in particolare difficoltà ad iniziare con sicurezza vari tornei. Queste lacune nei colpi caricati sono state fatali in diverse occasioni. Tuttavia, grazie al suo gioco corto ha potuto competere. In effetti, più si avvicinava alla buca, più il canadese si sentiva a suo agio.

READ  Programma di canali sportivi per il 2 settembre 2023: su quali canali guardi lo sport?

Tuttavia, per distinguersi a questo livello, è tutta una questione di coerenza. “Penso di avere una buona comprensione di ciò che devo fare”, ha detto della nuova stagione. Nonostante quello che ho fatto negli ultimi sei mesi, non credo di essermi mai sentito meglio. »

A differenza di altre major, il rallentamento del golf si misura in giorni, non in mesi. Ecco perché Hughes deve tornare presto. E questo è ciò che intende fare: “Non ci vuole molto tempo per fare il cambiamento e tornare nella giusta direzione”.

Per lui la direzione corretta è quella che punta verso Buzzard Island. Non solo potrà giocare in casa, ma potrà anche realizzare il suo sogno.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *