Ma dove sono scomparse le nubi di Nettuno?

Ma dove sono scomparse le nubi di Nettuno?

Le nuvole di Nettuno se ne sono andate! Cosa è successo loro? E un team di astronomi dell’Università della California, Berkeley, pensa di aver trovato la risposta. Dopo aver studiato per quasi 30 anni le immagini del gigante di ghiaccio scattate tra il 1994 e il 2022, in particolare dal telescopio spaziale Hubble e dall’Osservatorio Keck alle Hawaii, sono giunti alla conclusione che il sole gioca un ruolo diretto nella presenza di nuvole sulla Terra. superficie. Nettuno.

Secondo le immagini, la quantità di nubi che solitamente appare alle medie latitudini del pianeta ha cominciato a diminuire a partire dal 2019. Sono rimasto sorpreso dalla rapidità con cui le nuvole su Nettuno sono scomparse Eimke de Pater, professore emerito di astronomia all’Università della California, Berkeley e autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Icaro.

La radiazione ultravioletta del sole innesca una reazione fotochimica

Approfondendo le loro osservazioni, i ricercatori sono stati in grado di stabilire un legame tra i cambiamenti nella copertura nuvolosa di Nettuno e il momento del ciclo solare in cui il campo magnetico del sole si inverte ogni 11 anni. Il Polo Nord diventa Polo Sud e viceversa. Durante questo spostamento, il Sole emette luce ultravioletta più intensa e gli astronomi di Berkeley notarono che apparivano più nuvole su Nettuno circa due anni dopo. La loro ipotesi è che il picco della radiazione ultravioletta proveniente dal Sole inneschi una reazione fotochimica nell’atmosfera di Nettuno che porta alla formazione di nuvole. ” Questi dati impressionanti ci forniscono la prova più evidente che la copertura nuvolosa di Nettuno è collegata al ciclo del sole. ha commentato Emke de Pater.

Questa serie di immagini mostra un drammatico cambiamento nell’aspetto di Nettuno alla fine del 2019, che durò fino a giugno 2023. Dopo la fine del 2019, le nuvole appaiono quasi assenti, tranne che vicino al polo sud. © Emke de Pater, Irandy Chavez, Erin Redwing (Università della California, Berkeley) e Keck Observatory.

Questo studio, che ha abbracciato 29 anni di dati di immagine, ha rilevato variazioni nella luminosità di Nettuno. Così, durante questo periodo, la riflettività del pianeta è aumentata nel 2002, poi è diminuita nel 2007, per poi risalire nel 2015 prima di raggiungere il livello più basso mai osservato nel 2020. Quest’ultima fase corrisponde alla scomparsa della maggior parte delle nubi, ad eccezione del sud polo di Nettuno. ” I cambiamenti nella luminosità di Nettuno causati dal Sole sembrano aumentare e diminuire proporzionalmente al movimento delle nuvole sul pianeta Si legge nel comunicato stampa.

READ  Valutazione dell'impatto dei disastri attraverso il programma di supporto ai disastri di Building Science

James Webb può portare nuovi elementi

Tuttavia, gli astronomi non vogliono trarre conclusioni definitive da questo lavoro perché ritengono che si debbano prendere in considerazione altri fattori. In particolare, citano il fatto che la radiazione ultravioletta del Sole può oscurare le nuvole e ridurre la luminosità complessiva di Nettuno. Inoltre, l’atmosfera caotica del pianeta ghiacciato, spazzata da venti supersonici, è teatro di enormi tempeste che influenzano la copertura nuvolosa e potrebbero complicare gli studi di correlazione del ciclo solare.

Gli scienziati intendono continuare le loro osservazioni sull’attività delle nubi di Nettuno nel tempo. Si aspettano molto dalle immagini nel vicino e medio infrarosso catturate nel giugno 2023 dal telescopio spaziale James Webb. In combinazione con quelli dell’Osservatorio Keck, loro Investigheremo ulteriormente la fisica e la chimica dietro l’aspetto dinamico di Nettuno, consentendo agli astronomi di approfondire la loro comprensione non solo di Nettuno, ma anche degli esopianeti.. »

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *