L’ultima operazione contro la mafia compiuta in tutta Europa ha salvato la Svizzera – rts.ch

L’ultima operazione contro la mafia compiuta in tutta Europa ha salvato la Svizzera – rts.ch

Dopo centinaia di arresti la scorsa settimana all’interno della mafia calabrese, la giustizia italiana ha annunciato mercoledì 61 nuovi arresti. Il culmine di un massiccio raid della polizia in tutta Europa. Ma non in Svizzera, dove la mafia è molto presente.

Questo è chiamato un grande trascinamento. Nei giorni scorsi circa 2.700 poliziotti hanno arrestato più di 130 esponenti della mafia calabrese, la più potente d’Italia.

Tra i reati della ‘Ndrangheta – questo è il loro nome – ci sarebbero, secondo i pm, oltre al traffico di stupefacenti e detenzione di armi anche l’acquisto di voti, l’ingerenza negli appalti pubblici e nei pubblici poteri, la frode legata ai centri per migranti o l’estorsione di denaro a società in il settore turistico.

La ‘Ndrangheta opera in più di 40 paesi in tutto e la sua notevole influenza sull’economia calabrese ne ha reso difficile l’eliminazione, soprattutto a causa della ricchezza che ha accumulato attraverso le sue attività criminali.

in molti paesi

L’ultima operazione antimafia è stata condotta in dodici paesi europei, oltre che in Brasile e Panama. In Svizzera, invece, non sono stati effettuati arresti. E questo, mentre lì la mafia è molto attiva, come ha spiegato Nicola Gratteri, procuratore di Catanzaro.

Alle 12:45, afferma, “la Svizzera deve capire che ci sono organizzazioni criminali sul suo territorio, così come ci sono in Italia. Quindi non ha senso nascondere la polvere sotto il tappeto e far finta di non capire”.

“crimine economico”

Un rapido sguardo alle statistiche della Polizia federale (Fedpol) mostra che dal 1970 il numero di casi di mafia è aumentato costantemente in Svizzera. Nel 2020 la mafia è stata attiva in quasi tutti gli angoli del nostro Paese.

READ  Amazon affronta uno sciopero durante il “Black Friday”

Oggi non tirate più fuori mitragliatrici ma sacchi pieni di soldi. Questo si chiama “crimine economico”.

Quasi due anni fa è entrata in vigore una legge federale più severa. Ma per Paolo Bernasconi, l’ex pubblico ministero ticinese, non cambia molto. “Non sono le leggi e le norme a essere in discussione. È la capacità di controllare e spezzare questo rapporto tra mafia, criminalità organizzata e mondo finanziario in Svizzera. Finora non abbiamo alcun pregiudizio riguardo a questi legami tra mafia e la malavita finanziaria”.

“I mezzi con cui la politica ci dà”

Concentrarsi sui soldi della mafia è anche l’obiettivo della polizia federale. E questo, con i mezzi a sua disposizione, come sottolinea Nicoletta Della Valle, direttore di Fedpol.

“Abbiamo le risorse umane che ci dà la politica. Ma inseguire il denaro, il flusso di denaro, è uno dei principali punti di partenza se vogliamo combattere la mafia”.

Tuttavia, Fedpol afferma di apprendere ogni anno un po’ di più sugli affari di mafia in Svizzera, anche se le zone grigie rimangono.

Julien Guillaume/fgn

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *