L’UE deve garantire standard elevati di trattamento per i rifugiati ucraini – EURACTIV.com

L’UE deve garantire standard elevati di trattamento per i rifugiati ucraini – EURACTIV.com

I paesi europei sono invitati a farsi avanti “standard elevati” Nel campo della prevenzione, del trattamento e dell’assistenza agli ucraini in fuga dalla guerra, persiste la situazione dei pazienti affetti da HIV in Ucraina “Brucia su”.

L’UNAIDS stima che 260.000 persone fossero state infettate dall’HIV in Ucraina prima della guerra, 152.000 delle quali assumevano quotidianamente farmaci anti-HIV.

L’Ucraina ha riportato il secondo tasso più alto di infezione da HIV di nuova diagnosi nel 2020 nella regione europea dell’OMS, a 38 per 100.000 abitanti, superato solo dalla Federazione Russa. In confronto, il tasso più alto nell’UE è segnalato a Malta, a 16 per 100.000.

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, più di 4,6 milioni di persone sono fuggite dal paese.

Durante un webinar sull’argomento “Sostegno all’Ucraina, ai paesi limitrofi dell’Unione Europea e della Moldova”Lo ha avvertito il 23 marzo Rimalda Fosci, della Direzione generale della Salute “L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che uno su 100 sfollati interni dall’Ucraina è sieropositivo e potrebbe aver bisogno di ART continua per sentirsi soddisfatto, non di ricaduta, reinfezione e non resistenza ai farmaci”.

Mercoledì 13 aprile, la Comunità medica europea per l’AIDS (EACS) ha rilasciato una dichiarazione di più partner esortando i paesi europei a fornire cure per l’HIV accessibili e di alta qualità alle persone sfollate dall’Ucraina con l’HIV.

La dichiarazione invita i paesi ospitanti a sviluppare e lanciare urgentemente piani nazionali per fornire cure per l’HIV gratuite ea prezzi accessibili e per stabilire una rete di cliniche dedicate e accessibili per fornire test HIV e trattamenti antiretrovirali.

È stato inoltre pubblicato un protocollo standardizzato per la gestione clinica e la condivisione dei dati medici per i senzatetto sieropositivi dall’Ucraina.

Problemi simili sono stati segnalati da Anne-Isabel von Lingen dell’European AIDS Treatment Group, che lo ha affermato “Le persone stanno finendo le medicine e ci sono differenze tra i medicinali disponibili nell’UE”.

Lei ha aggiunto: C’è anche il problema dello stigma e della paura di divulgare informazioni, che possono impedire alle persone di cercare assistenza o servizi. »

La sig.ra Lingen ha anche rilevato problemi con la denuncia dei pazienti, alcuni dei quali non hanno la propria cartella clinica, nonché ostacoli amministrativi che ritardano l’accesso alle cure.

READ  Modelli eleganti realizzati con lattine riciclate

“Sembra che in alcuni paesi sia necessario dimostrare il proprio status di residenza per accedere ad ART [traitement antirétroviral]Ma in alcuni casi, se sei in un campo profughi, non puoi farlo”.indicato.

Ha chiesto la semplificazione delle procedure per l’accesso alle cure e alle cure e la garanzia di finanziamenti per le ONG.

“Ad esempio, in Polonia, le ONG che forniscono servizi alla popolazione che convive con l’HIV sono già state cronicamente sottofinanziate. Hanno fornito un enorme sostegno nelle ultime settimane, ma con le proprie risorse.Lei disse.

Quello che l’Unione Europea sta già facendo

Agli inizi di marzo è stata attivata la Direttiva sulla protezione temporanea, che garantisce il diritto all’assistenza medica per i rifugiati ucraini.

Lo ha detto la signora Fosky “La Commissione europea e le sue agenzie stanno lavorando insieme a tutti i membri della famiglia europea per garantire che le persone sieropositive che sono fuggite dalla guerra in Ucraina abbiano accesso all’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno”.

Inoltre, Il meccanismo di protezione civile dell’UE coordina le richieste e le offerte di assistenza per garantire la continuità delle cure mediche alle persone sfollate dall’Ucraina, disse la signora Voske.

Ha aggiunto che era necessario ‘Lavorare a stretto contatto con gli operatori sanitari della comunità per [garantir] Facile accesso e buona reattività offrendo servizi integrati che tengono conto di molteplici infezioni”, Soprattutto l’HIV.

“È anche essenziale garantire che le persone in fuga dalla guerra in Ucraina abbiano accesso a informazioni comunitarie tempestive e mirate su come ottenere cure continue per l’HIV nell’Unione europea”.indicato.

A tal fine, la delegazione dell’UE in Ucraina sta lanciando un progetto per indirizzare i pazienti con HIV, tubercolosi, epatite e terapia sostitutiva con oppioidi per fornire agli ucraini informazioni sulle opzioni per proseguire il loro trattamento negli Stati membri dell’UE, ha affermato Alexandra Janovskaya, della Commissione europea . Servizio di lavoro esterno in Ucraina, a Kiev.

READ  L'Irlanda ha invaso ... pappagalli? | Scienza | Notizie | il Sole

Altre azioni riguardano la situazione in Ucraina. Lo ha detto la signora Fosky “Tutti i 27 Stati membri dell’UE e due paesi che partecipano al meccanismo di protezione civile dell’UE, Norvegia e Turchia, hanno fatto offerte all’Ucraina, compresi i farmaci per l’HIV”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che stiamo assistendo a uno scenario peggiore in Ucraina

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che le persone in Ucraina cominceranno a morire “malattie comuni” A causa della mancanza di accesso alle cure mediche e agli aiuti umanitari. Preparano anche medici specialisti per attacchi chimici.

Pazienti HIV in Ucraina

Dmytro Shremby, presidente del Consiglio di coordinamento di 100% Life, la più grande organizzazione di persone che vivono con l’HIV in Ucraina, ha chiamato “bruciando” La situazione delle persone che vivono con l’HIV in Ucraina.

“Stiamo cercando di fornire medicine, cibo e altri aiuti di emergenza alle persone bisognose, ma il lavoro è pericoloso e i volontari stanno mettendo a rischio la loro vita”.Lo ha detto in un comunicato stampa l’11 aprile. “Se non riceviamo più aiuto, non sono sicuro che potremo durare molto più a lungo, soprattutto per raggiungere le persone nelle aree in prima linea”.

Più di una settimana fa, è arrivata a Leopoli una spedizione di oltre 18 milioni di dosi di farmaci antivirali salvavita forniti dal Piano di emergenza per l’AIDS Relief (PEPFAR) del presidente degli Stati Uniti.

Il Programma congiunto delle Nazioni Unite sull’HIV/AIDS ha dichiarato che ” Se può essere consegnato a chi ne ha bisogno, i farmaci sono sufficienti a coprire una fornitura di sei mesi per tutte le persone che vivono con l’HIV”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *