L’orso bruno sa usare gli strumenti

La Casa della Scienza è come una raccolta di storie. Belle storie che raccontano i quartieri in tutta la loro freschezza. Ma anche in tutte le sue complessità. Arco per ammirare i tesori del mondo. In questo nuovo episodio andiamo a conoscere un animale mitico: l’orso bruno.

Buba. Questo è ovviamente il nome di questo adorabile orsetto dei cartoni animati. Donazione e innocenza. Ma è anche l’orsacchiotto che osservava le mie notti d’infanzia. Come un angelo custode che condivideva le mie paure come il mio letto. E qui scopro oggi che la reazione sembra molto più antica. Gli uomini del Paleolitico condividevano già le loro paure con Plantegrad… specialmente le loro caverne. Nel Grotta Chauvet, in Ardèche, i ricercatori hanno scoperto teschi Degli orsi disposti a semicerchio. Anche la statua più antica mai trovata è un omaggio a un orso. È stato trovato nella grotta di Montespan nell’Alta Garonna.

Impressionato e persino riverente a volte, ilorso bruno Quindi, per i nostri antenati europei, fu il primo vero re degli animali. Fino a quando la chiesa non lo prende influenza, proprio per l’infatuazione che sembrava avere per gli uomini. Per scacciare l’orso dalla sua base, non esitò ad accusarlo di non uno o due peccati mortali. Ma va bene di cinque! Rabbia, gola, pigrizia, invidia… e anche lussuria. Perché la leggenda narra che a quel tempo gli orsi maschi fossero attratti dai giovani pastori e che dalla loro unione peccaminosa nascessero guerrieri meravigliosi. Si dice che i re di Danimarca e Norvegia siano i suoi discendenti. Capirai che la Chiesa aveva particolarmente paura di forza bruta dall’orso.

La sua forza bruta? L’espressione non dice semplicemente: “forte come un orso”? Allora forse. Ma comunque, la forza non è senzaIntelligenzaOggi, assicurano i ricercatori. Perché l’orso bruno è in grado di leggere il suo ambiente. per adattarsi ad esso. E anche per analizzarlo. I ricercatori raccontano, ad esempio, la storia di una mamma orsa che ha scelto di lasciare in pace i suoi cuccioli mentre lei stessa andava a caccia. Pur assicurandosi che gli orsi maschi non osassero attaccare i cuccioli perché i ricercatori erano impegnati nei pressi del rifugio.

READ  Zone in misure di emergenza | La sanità pubblica voleva vietare alcuni viaggi tra le regioni

In generale, l’orso bruno ha relazioni sociali. È curioso. È in grado di imparare. È uno di quei mammiferi che sa usare gli strumenti. Altri lo fanno, ma la maggior parte sono grandi scimmie.

Pietra per grattarti il ​​muso

Un orso è stato catturato per la prima volta in Alaska mentre camminava Usa uno strumento. Di una pietra più raffinata. Pietra ricoperta di cirripedi – piccoli crostacei – e raccolta sul fondo del fiume. L’ha usato per grattarsi il muso. e allora? Quando prurito…

Ancora più pericoloso, se graffia un albero o anche una roccia, non riprenderà ricercatori. Ma qui siamo in un comportamento completamente diverso, secondo gli specialisti. L’albero può già essere considerato un’estensione dell’ambiente. Raccogliere, maneggiare e usare una pietra per alleviare te stesso è un po’ come espandere i confini del tuo corpo.

Forse la cosa più sorprendente di questa storia è che l’orso in questione era un orso selvaggio. Ciò significa che non ha mai vissuto in cattività. Fino a quel momento non era stato nemmeno in contatto con gli uomini. Quindi la scoperta chiama in causa. Gli orsi bruni sembrano essere capaci di comportamenti complessi che richiedono una consapevolezza spaziale avanzata e abilità motorie. Per chiarire tutto questo, i ricercatori dovranno approfondire la questione. Stanno solo assumendo al momento che questo comportamento potrebbe essere stato reso possibile da un file grande cervello rispetto al suo corpo. Allora, non è quello stupido orso bruno?

Ti interessa quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *