L’operazione di evacuazione in Afghanistan: Marc Garneau accetta le critiche

Il ministro degli Esteri Marc Garneau domenica ha accettato le critiche pubbliche al governo canadese sull’evacuazione in Afghanistan, affermando che nessuno poteva prevedere quanto velocemente il paese sarebbe caduto nelle mani dei talebani.

• Leggi anche: Gli Stati Uniti effettuano un raid aereo a Kabul su un veicolo legato allo Stato Islamico

• Leggi anche: Dopo essere stato criticato, Biden si è rifugiato davanti ai soldati uccisi in Afghanistan

• Leggi anche: Il leader supremo dei talebani Hebatullah Akhundzada in Afghanistan

In risposta a una domanda del canale di notizie 24 ore su 24 CTV News, il ministro Garneau ha ammesso che l’operazione di salvataggio potrebbe essere iniziata troppo tardi.

D’altra parte, Mark Garneau ha detto: “Nessuno avrebbe potuto prevedere quanto velocemente i talebani avrebbero ripreso il controllo del paese o quanto velocemente l’esercito nazionale afghano si sarebbe arreso o sarebbe fuggito, ma è successo”.

“Accettiamo le critiche e stiamo andando avanti per cercare di affrontare la situazione”, ha comunque sottolineato il ministro degli Esteri. Ha anche detto che il suo ufficio sta ancora lavorando per ottenere i vulnerabili canadesi e afgani lasciati indietro, anche se l’evacuazione canadese è terminata giovedì scorso.

Il Canada ha rimosso un totale di circa 3.700 persone, tra cui 2.000 afgani, durante l’operazione. È inferiore rispetto ad altri paesi della NATO, come il Regno Unito, la Germania o l’Italia.

“Ciò su cui ci stiamo concentrando ora è andare avanti perché ci sono ancora molti canadesi, ci sono residenti permanenti e ci sono afghani vulnerabili che vogliamo far uscire dal paese”, ha detto il ministro.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *