L’OMS rimuove la distinzione tra paesi endemici e non endemici per il vaiolo delle scimmie

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha rimosso la distinzione tra paesi endemici e non endemici dalle sue statistiche sul vaiolo delle scimmie, al fine di “standardizzare” meglio la risposta al virus.

Il virus di solito si diffonde nell’Africa centrale e occidentale e ora si trova in diversi continenti.

“Stiamo rimuovendo la distinzione tra paesi endemici e non endemici e riunendo i paesi quando possibile, per riflettere la risposta standard necessaria”, ha affermato l’OMS nella sua newsletter del 17 giugno inviata ai media sabato.

Dal 1 gennaio al 15 giugno “Un totale di 2.103 casi confermati, 1 caso probabile e 1 decesso [au Nigeria] È stato segnalato all’Organizzazione mondiale della sanità in 42 paesi.

Il 23 giugno valuterà se l’attuale focolaio costituisce una “emergenza sanitaria pubblica di portata internazionale”, il livello di allerta più elevato.

E la regione europea è al centro della diffusione del virus, con 1.773 casi confermati, ovvero l’84% del totale mondiale. Seguono le Americhe (245 casi, 12%), seguite dall’Africa (64 casi, 3%), quindi il Mediterraneo orientale (14 casi) e il Pacifico occidentale (7 casi).

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che il numero effettivo di casi sia probabilmente più alto.

Ritiene che il virus debba essere già circolato prima dell’attuale focolaio senza rivelarne la trasmissione. Dice che “potrebbe risalire al 2017”.

Dal 2017, un piccolo numero di casi importati, principalmente dalla Nigeria, è già stato identificato sporadicamente in diversi paesi.

Con l’attuale aumento del numero di persone infette, la maggior parte dei casi segnalati fino ad oggi è stata tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Tuttavia, la stragrande maggioranza non si è recata nei paesi africani dove il virus era endemico.

READ  Suola moderna... 40 milioni di anni fa

Monkeypox o “monkey orthopoxvirus”, noto agli esseri umani dal 1970, è molto meno pericoloso e contagioso del vaiolo che è stato eradicato nel 1980. È una malattia considerata rara ed è causata da un virus trasmesso all’uomo da animali infetti.

Nella situazione attuale, la trasmissione da uomo a uomo occupa il primo posto.

Esistono due gruppi principali (clade) del virus del vaiolo delle scimmie, il gruppo dell’Africa occidentale (tasso di mortalità di circa l’1%) e il gruppo del bacino del Congo (tasso di mortalità fino al 10%).

In tutti i casi segnalati nei paesi recentemente colpiti dal virus, è stato identificato un sottotipo dell’Africa occidentale.

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.