L’Olocausto di Claude Lanzmann è iscritto nel Registro della Memoria del Mondo dell’UNESCO

L’Olocausto di Claude Lanzmann è iscritto nel Registro della Memoria del Mondo dell’UNESCO

Claude Lanzmann durante una conferenza stampa per il suo film “The Last Unjust” a Tel Aviv il 21 gennaio 2014.

“Shoah” di Claude Lanzmann è stata iscritta nel registro della Memoria del mondo dell’UNESCO, che mira a proteggere il patrimonio documentario in tutto il mondo, ha annunciato venerdì in Contact l’Associazione Claude e Felix Lanzmann (ACFL).

“+Shoah+ entra così a far parte del patrimonio cinematografico di Memory of the World, degli archivi dei fratelli Lumière, di +Metropolis+ di Fritz Lang, di +Los Olvidados+ di Luis Buñuel e di tutti i Bergman”, afferma l’associazione in un comunicato che accoglie la “statura unica di questo capolavoro.” arte tra arte e storia.

La nomina di questo “monumento cinematografico” è stata proposta “congiuntamente” dalle Commissioni nazionali francese e tedesca per l’UNESCO, come “un potente simbolo dell’amicizia franco-tedesca per la quale Claude Lanzmann lavora dal 1947”. Fu trasferito dall’ACFL in Francia e dal Museo Ebraico di Berlino in Germania.

Con questa registrazione, l’associazione “conta sull’UNESCO per poter espandere il suo lavoro su scala globale”.

Il film “Olocausto” è entrato nella storia del cinema con la sua durata (9:30), la sua forma (senza foto d’archivio) e il suo scopo: raccontare l'”indicibile”, lo sterminio sistematico degli ebrei da parte dei nazisti. Comprendere che è stata un’avventura di lunga durata poiché la preparazione e le riprese si sono svolte dal 1974 al 1981 e il montaggio ha richiesto quasi 5 anni.

Migliaia di articoli, monografie e discussioni sono state dedicate a questo pluripremiato documentario, in particolare Cesar Emeritus nel 1986, visto da decine di milioni di telespettatori in tutto il mondo e insegnato nelle scuole.

READ  "Knives Out" 2: Netflix firma un accordo senza precedenti con i cinema stranieri

Questo documentario presentava il termine “Olocausto” – che compare nella Bibbia e significa “annientamento” in ebraico – che da allora è diventato familiare in Europa.

L’annuncio della sua inclusione nel registro UNESCO Memory of the World arriva nel giorno in cui viene proiettato a Cannes “Area of ​​Interest” di Jonathan Glazer (in concorso), che mostra l’understatement dell’orrore con l’immagine di un ufficiale nazista che assapora i piaceri della vita. Nella sua casa vicino ad Auschwitz.

Ghiaccio / Maggio / S

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *