Loira. “In Italia ammiriamo i chirurghi francesi”

Questo è un contratto di locazione che gestisce Gabriele Barabino. Prima nei blocchi del CHU di Saint-Etienne e, per tre anni, nelle stanze della Clinique du Parc. Eppure i suoi quattordici anni trascorsi in Francia non hanno cancellato il suo accento.

Devi sentirlo con le sue intonazioni cantilenanti dell’Italia che ti parla, con generosità, della sua specialità: la chirurgia viscerale e digestiva.

Come ogni studente di medicina, Gabriele e non Gabrielle, precisa, ha seguito il corso classico a Genova, sei anni di stage, che ha interrotto con uno stage presso il centro Léon-Bérard di Lione.

“In Italia abbiamo ammirazione per i chirurghi francesi. La Francia è sempre stata all’avanguardia nella chirurgia digestiva. Ha una cultura di questa disciplina dal 1800. La formazione è molto antica. »

“Una ricchezza per la Francia avere medici stranieri”

Quando è arrivato a Lione sapeva pronunciare solo due parole: sì e no. Un mese di film, di letture dopo, altre parole entrano nel suo vocabolario. Ha colto l’occasione per iscriversi all’Università di Lione e ottenere un master in chirurgia. Nei corridoi del centro oncologico incontra anche Jack Porcheron, allora praticante dell’ospedale universitario di Saint-Etienne. È lui che lo farà insediare nella regione.

“Dopo uno stage di sei mesi negli Stati Uniti, una volta terminato il mio stage, mi ha offerto un posto come assistente capo della clinica presso l’University Hospital. Gabriele non esita. “Avevo bisogno di qualcosa di strutturato. »

Il 3 novembre 2008 si è stabilito a Saint-Etienne e ha iniziato a praticare presso l’Ospedale Universitario con una formazione equivalente ad altri praticanti francesi. “È una ricchezza per la Francia avere medici stranieri. Ognuno è un vincitore nella storia. Quello che serve è che la miscela sia strutturata. »

READ  Calcio Italia - Ita: Cristiano Ronaldo ceduto per forza, la Juve cambia tutto

Dal 2008, la sua vita è lì. Non ha mai pensato di partire per operare in Italia. “Se torno, potrebbe essere in pensione. »

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.