Lo studio ha rilevato che il Canada occidentale è un hotspot globale durante i mesi estivi

Lo studio ha rilevato che il Canada occidentale è un hotspot globale durante i mesi estivi

“Il Canada, in particolare le province occidentali, è stato insolitamente caldo quest’estate”, ha affermato Andrew Pershing, direttore scientifico di Climate Central, che ha pubblicato il suo studio che collega i gas serra alle temperature giornaliere globali.

Climate Central ha utilizzato metodi ampiamente accettati e sottoposti a revisione paritaria per calcolare il contributo del cambiamento climatico agli eventi meteorologici estremi e li ha applicati alle temperature giornaliere tra giugno e agosto in 202 giurisdizioni in tutto il mondo.

Lo studio ha rilevato che il 98% dell’umanità stava soffocando a temperature due volte più probabili di quelle dell’anidride carbonica nell’atmosfera, tutto durante il periodo più caldo mai registrato secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale.

“Nessuno è immune al cambiamento climatico”, ha detto Pershing.

Durante l’estate, l’analisi di Climate Central ha mostrato che il Canada occidentale e settentrionale, compreso il Quebec settentrionale, ha registrato temperature di 1,5 gradi Celsius superiori alla norma. È il settimo numero più alto al mondo.

“Queste aree hanno sperimentato condizioni di caldo insolitamente e molto persistenti”, ha detto Pershing.

I ricercatori hanno poi analizzato la misura in cui queste condizioni potrebbero essere attribuite al cambiamento climatico. I ricercatori hanno concluso che in gran parte della costa occidentale, per gran parte dell’estate, le temperature giornaliere insolitamente calde sono state triplicate dai gas serra.

Ampie parti dell’Alberta hanno subito lo stesso impatto per un massimo di 30 giorni.

Climate Central ha esaminato anche altre città canadesi.

L’organizzazione incorona Charlottetown come la capitale canadese del cambiamento climatico. Quest’estate, la capitale dell’Isola del Principe Edoardo ha visto 25 giorni in cui il cambiamento climatico ha reso la lettura quotidiana del termometro almeno tre volte più probabile.

READ  Una piccola serata fuori con un altro sopravvissuto zombie

Yellowknife, St. John’s, Terranova, Labrador e Halifax sono stati i successivi, con un tempo di 15 giorni che ha raggiunto lo stesso traguardo.

Se tale standard viene abbassato per includere condizioni meteorologiche potenzialmente a doppia cifra, il Surrey, nella Columbia Britannica, ha sperimentato 23 giorni di questo tipo. Iqaluit ne aveva 18 e Calgary 16.

Effetto devastante

Questo rapporto rappresenta l’ultima prova che il cambiamento climatico sta avendo un impatto sempre più devastante sul Canada e sull’intero pianeta.

All’inizio di questa settimana, i dati dei satelliti Copernicus dell’Unione Europea hanno mostrato che le temperature medie di giugno, luglio e agosto sono state le più calde mai registrate a livello globale, di due terzi di grado Celsius.

Quest’estate, incendi da record hanno imperversato in tutto il Canada, costringendo migliaia di persone ad abbandonare le loro case e bruciando 165.000 chilometri quadrati.

Il gruppo World Weather Attribution ha scoperto che il cambiamento climatico sta rendendo estati come quella che ha portato alla catastrofica stagione degli incendi in Quebec almeno sette volte più probabili.

Andrew Pershing spera che un’analisi centralizzata di routine del clima caldo possa aumentare la consapevolezza sulla misura in cui il cambiamento climatico si sta diffondendo in tutto il pianeta.

A livello globale, il rapporto rileva che gli impatti del cambiamento climatico colpiscono coloro che vi hanno contribuito meno.

In 79 paesi, il cambiamento climatico ha triplicato la probabilità del clima estivo. Quasi due terzi di questi paesi sono inclusi nell’indice dei paesi meno sviluppati delle Nazioni Unite. Insieme, questi paesi rappresentano circa il 7% delle emissioni globali di gas serra.

READ  La NASA crea una posizione di consulente climatico al suo interno

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *