Lo studio fa luce sul legame tra obesità e depressione

L’obesità e la depressione sono due malattie che nutrono. Nel mondo, circa 280 milioni di persone soffrono di depressione. È una delle principali cause di disabilità nel mondo. Allo stesso tempo, il numero di casi di obesità è quasi triplicato dal 1975. Tuttavia, l’obesità comporta un alto rischio di sviluppare altre malattie croniche (diabete, malattie cardiache, disturbi muscoloscheletrici, ecc.). Inoltre, è stato ora dimostrato che è altamente associato alla depressione. ” Le persone obese sono vittime di stigma e questo influisce necessariamente sulla loro salute mentale “,” Spiegaci HypponenDirettore dell’Australian Center for Micro Health presso l’Università del South Australia. Le due condizioni, infatti, si alimentano a vicenda attraverso un terribile tapis roulant.

Quando la depressione “alimenta” l’obesità e viceversa

L’obesità deriva principalmente da uno squilibrio energetico tra calorie consumate e calorie consumate. prodotti trasformati, troppo grassi e troppo dolci, Tanti e ampiamente consumati. Inoltre, non molte persone fanno abbastanza esercizio fisico. Tuttavia, sappiamo che il tessuto adiposo ospita cellule immunitarie che producono proteine ​​pro-infiammatorie. Pertanto, le persone obese tendono a produrre queste molecole in quantità eccessive. Tra queste proteine: le citochine.

Diversi studi hanno dimostrato che le citochine sono sottoregolate livelli di serotonina. È un neurotrasmettitore ampiamente coinvolto nell’umore e nello stato di felicità. In particolare, le citochine stimolano un enzima che altera l’apporto di amminoacidi necessari per la produzione di serotonina. Questo spiega perché, da un punto di vista biologico, le persone obese sono più inclini alla depressione.

Leggi anche: I ricercatori scoprono un altro percorso di comunicazione tra il grasso e il cervello

Allo stesso tempo, gli studi hanno dimostrato che gli individui con depressione, indipendentemente dal loro indice di massa corporea (BMI), hanno concentrazioni cellulari più elevate rispetto al resto della popolazione. Tuttavia, le citochine pro-infiammatorie possono portare all’insulino-resistenza. Che può portare al diabete di tipo 2. Questo tipo di diabete comporta un aumentato rischio di essere sovrappeso. Pertanto, le citochine della depressione possono portare all’obesità, proprio come le citochine dell’obesità possono portare alla depressione! ” È un circolo vizioso “,” Hubertus Himmerich riassumeÈ uno psichiatra al King’s College di Londra.

READ  “Il colpo che mi ha salvato la vita” Forum Arte e Cultura Talence giovedì 17 novembre 2022

Diversi legami biochimici intercambiabili

Come se non bastasse, un’altra molecola interviene in questo circolo vizioso. È il cortisolo, chiamato anche “ormone dello stress”. In risposta alla situazione stressante, il cortisolo aumenta la glicemia (glicemia) per fornire glucosio al cervello. Sono stati condotti studi sui macachipoi sugli esseri umani, hanno scoperto che gli individui depressi hanno livelli di cortisolo significativamente più alti rispetto a quelli in buona salute mentale. Pertanto, lo stress e il disturbo depressivo sono stati associati a un rilascio prolungato di cortisolo.

Depressione, obesità e stress sono biochimicamente correlati. Ognuna di queste condizioni può aumentare il rischio e la gravità dell’altra. Crediti: Natura

Leggi anche: Sostanze che causano obesità: queste sostanze chimiche aumentano il rischio di obesità

Ma il cortisolo non regola solo la glicemia. Questo ormone regola il metabolismo di grassi e proteine, sopprime alcune risposte del sistema immunitario ed è anche coinvolto nella regolazione del ciclo quotidiano. lei Aumenta anche l’appetito, che può portare ad un aumento di peso. ” C’è un aspetto autolenitivo in questo. Questo è il motivo per cui brami il gelato al cioccolato, non le carote, quando qualcuno rompe con te dice Valerie Taylor, MD, ricercatrice di psichiatria presso l’Università di Calgary.

Riassumiamo. La depressione produce alti livelli di cortisolo. Aumenta l’appetito e porta ad un aumento di peso. Ma come con le citochine, l’effetto è purtroppo reciproco. Infatti, l’obesità è anche associata ad elevate concentrazioni di cortisolo. Una meta-analisi sull’obesità è stata pubblicata nel 2017 Ha spiegato che per ogni 2,5 punti di aumento del BMI, c’è un aumento del 9,8% del contenuto di cortisolo nei capelli.

READ  Il grande ritorno di "The Matrix", l'epopea fantascientifica cult

CONCLUSIONE: L’alto cortisolo indotto dalla depressione può alimentare l’obesità e l’alto cortisolo indotto dall’obesità può contribuire ad esacerbare la depressione.

Metodi terapeutici che devono evolversi

Pertanto, le persone obese e depresse si trovano in una situazione particolarmente complessa. La depressione è principalmente caratterizzata da una perdita di motivazione. Tuttavia, per combattere l’obesità, dobbiamo mangiare più sano e fare esercizio. La motivazione è necessaria. Pertanto, gli esperti concordano sul fatto che le due condizioni devono ora essere prese in considerazione nei trattamenti. In effetti, i due sono correlati. Agire su uno solo può portare a conseguenze inaspettate e devastanti per l’altro.

Sappiamo, ad esempio, che l’aumento di peso è un effetto collaterale degli antidepressivi. ” Prendi farmaci per ridurre la depressione, ma ti fa aumentare di peso, il che peggiora la tua depressione, quindi prendi più antidepressivi, ecc. dice Valerie Taylor. Uno studio condotto lo scorso anno Ha anche dimostrato che le persone obese che assumono antidepressivi hanno un rischio maggiore di complicanze, in particolare diabete e problemi cardiovascolari, rispetto a quelle che non lo fanno.

Leggi anche: Ipnosi: il nuovo trattamento per l’obesità?

Per Richard Morris, psichiatra e ricercatore dell’Università di Nottingham, l’obesità deve essere trattata seriamente come l’anoressia. ” Essere sottopeso è un problema di salute mentale. Ma se sei in sovrappeso, è ancora spesso visto come un problema fisico”, osserva. In tutti i casi, la depressione dovrebbe essere trattata come una priorità. Infatti, come sottolinea Valerie Taylor, non puoi apportare cambiamenti significativi al tuo fino a quando non ti senti meglio mentalmente.

Una migliore alimentazione può aiutare le persone a perdere peso e uscire dalla depressione. Tuttavia, gli studi su questo argomento sono talvolta contraddittori. Il problema è che le persone che perdono peso molto rapidamente di solito ne guadagnano di più altrettanto rapidamente, lasciandole in profonda angoscia. Tuttavia, l’assistenza medica raramente include un follow-up a lungo termine che includa una fase di stabilizzazione del peso. ” È improbabile che il problema combinato di obesità e depressione migliori fino a quando non verranno sviluppate tecniche terapeutiche per affrontare e gestire entrambi i problemi. conclude Morris.

READ  Ansia e apatia, i primi segni di malattia?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.