Live a Live: Il ritorno del popolare Super Famicom

Quando hai un Nintendo Switch, sarà difficile perdere i tanti giochi di ruolo che hanno trovato casa su questo dispositivo. E anche se non si parla necessariamente di qualità, Square Enix resta uno dei publisher più attivi sulla console Nintendo. Tanto che hanno persino deciso di far uscire il classico Super Famicom, con Live a Live.

Credito immagine: Square Enix/Nintendo

Un po’ è passato inosservato, ma non molto

Quello che possiamo lasciare a Square Enix è rilasciarlo in esclusiva su Nintendo Switch, un gioco che fino ad ora non era disponibile per la maggior parte dei giocatori. Live a Live è stato pubblicato nel 1994 su Super Famicom e non ha mai lasciato il suolo giapponese. I giocatori in Nord America, e anche in Europa, non hanno potuto godersi questo gioco di ruolo in buone condizioni, anche se la magia di Internet ha fatto sì che per molto tempo ci fossero sottotitoli non ufficiali realizzati dai fan.

Ciò che ha reso questo gioco così cult è che si presenta sotto forma di sette storie, ciascuna ambientata in un’era diversa. Quindi in questi capitoli è possibile visitare la preistoria, il Far West, la fine del Giappone Edo, la Cina imperiale, il prossimo futuro, così come il lontano futuro. Dopo aver attraversato queste sette storie, sarà possibile immergersi in due capitoli complementari che collegheranno tutte queste storie.

Nonostante queste storie respirino molto dagli anni ’90, in generale sono ben costruite, se non proprio originalissime. È particolarmente evidenziato dalla sua forma narrativa, che può variare da capitolo a capitolo, a seconda degli argomenti trattati, ma anche dall’aggiunta del doppiaggio inglese. Non tutte le storie sono uguali e alcune sono piuttosto brevi, anche molto ripetitive, ma l’aggiornamento della grafica del gioco in HD-2D (come Octopath Travellers) ci assicura di finire comunque con un po’ di divertimento.

READ  Gli smartphone senza bordi attorno allo schermo saranno il grande trend del 2023

Sempre un po’ più in là

Quindi possiamo parlare di mettere insieme diversi minigiochi, perché alla fine ci rendiamo presto conto che ogni capitolo ha le sue caratteristiche. In Edo Japan, sarà una misteriosa storia di vendetta, in un castello labirintico che forma meccanismi di infiltrazione. In epoca preistorica gli eroi non hanno dialoghi e si esprimono solo in onomatopee, mentre nel Far West la storia si svolge a porte chiuse nella forma di un piccolo paese che va difeso tendendo trappole. Anche se non sfuggiamo ad alcuni cliché, ogni classe è in grado di fornire un’atmosfera davvero speciale. Soprattutto grazie al lavoro di Yoko Shimomura sulla musica rimasterizzata.

Già nel 1994 Live a Live cercava di decifrare i codici JRPG, in alcuni capitoli dovrai seguire le istruzioni della storia, mentre in altri capitoli sarai libero di vagare. Non tutto però è perfetto, e ci sono alcuni passaggi che tendono a diventare inquietanti, come il capitolo del presente, la cui narrazione è quasi assente, o ancora l’Impero cinese, che è solo una serie di battaglie. addestramento.

Fortunatamente, questo è compensato da un sistema di combattimento a turni che favorisce scontri frenetici. Non ci sono punti magia o azione, solo una barra del tempo su ogni personaggio che avanza in base alle mosse o alle azioni del nemico o degli alleati. Gli attacchi si basano su un sistema di debolezza e resistenza, con alcune modifiche o effetti su un’area del tabellone, come fiamme o veleno. Le battaglie, a seconda della classe, possono assumere sulla carta un aspetto tattico interessante, ma presto potremo utilizzare le tecniche più potenti per sbarazzarci dei nemici il più velocemente possibile.

READ  Assassin's Creed Valhalla: preparati a riscaricare l'intero gioco con l'aggiornamento 1.4.1!

Con Live a Live, non aspettarti le meccaniche JPG molto avanzate. Il sistema di combattimento è efficace, ma non aspettarti di più. Alcuni capitoli saranno più avvincenti di altri, ma nelle storie più classiche non sarebbe raro sfuggire al combattimento dopo un po’. C’è da dire che ogni capitolo impiega circa 1-2 ore per essere completato, il che non lascia molto tempo per diversificare davvero la profondità delle battaglie. Ecco perché troveremo prima di tutto abilità uniche, come la capacità di annusare gli odori per trovare battaglie e oggetti preistorici o l’incarnazione di uno shinobi che può nascondersi nei paesaggi del Giappone feudale.

Sempre un po’ di più

Tuttavia, Square Enix non si è attenuto a un semplice porting, in cui sono state apportate aggiunte rispetto all’originale. Come accennato, la grafica e la colonna sonora sono state riviste e migliorate, così come la narrazione con nuove inquadrature. Nei piccoli bonus che non possono essere trascurati, bisogna evidenziare il backup automatico. Il gioco mostra i livelli di difficoltà più alti a volte, soprattutto contro i boss che non ci aspettiamo, quindi avere un backup prima di morire in caso di morte è una buona cosa. Che cos’è anche l’aggiunta di una mini mappa ci aiuta a sapere dove si trova il nostro obiettivo e le aree che abbiamo già visitato.

Anche se a volte sentiamo che gli anni incombono su Live a Live, Square Enix è stata in grado di rispolverare il suo gioco infondendogli nuove funzionalità sufficienti per non distorcere l’esperienza originale. Ci sono ancora alcuni difetti e questo è da attribuire al formato delle stagioni, ma questo non dovrebbe impedirci di goderci questo piccolo gioiello di un JRPG. Un gioco di ruolo che puoi sfogliare a piacimento, per una o due storie e in base al tempo che vuoi dedicargli.

READ  Garage per Nintendo Game Builder: da giocatore a creatore

Leggi anche: Cuphead The Delicious Last Course: un’estensione del miglior cartone animato nei videogiochi

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.