L’italiana Federica Brignone ottiene un’altra vittoria a Mont-Tremblant

L’italiana Federica Brignone ottiene un’altra vittoria a Mont-Tremblant

In Italia, da 33 anni di condizioni difficili, il quartiere si accumula ogni centesimo della giornata da molto tempo, ed è il segno di una giornata di mezzo o di una grande fetta di riciclaggio dei Mondiali.

Dopo aver terminato sesto nella prima manche, Brignone ha fatto segnare la seconda gara più veloce del fine settimana, 1:04.27, salendo sul gradino più alto del podio.

“È davvero incredibile, ho provato di tutto nel secondo turno”, ha detto Brignone, tre volte medaglia olimpica. Avevo un divario molto grande, ma sapevo che in queste circostanze, se fai la differenza, fai davvero la differenza: ho provato di tutto. Sono andato in linea, sono stato davvero coraggioso e ho fatto la differenza. È stato stupefacente. “Sono molto commosso, felice e orgoglioso.”

Sabato Brignone è diventata la più anziana vincitrice di slalom gigante nella storia della Coppa del Mondo. Domenica ha registrato un tempo complessivo di 2:11.95 per spazzare via il fine settimana.

“Non l’ho mai fatto”, ha detto. Spero di avere tempo stasera per realizzarlo, inoltre è davvero bello.

La svizzera Lara Gut-Bahrami, vincitrice delle prime due gare di slalom gigante della stagione, ha vinto la medaglia d’argento (2:12.28). L’americana Mikaela Shiffrin, leader della Coppa del Mondo, ha vinto la medaglia di bronzo (2:12.34).

La slovacca Petra Vlhova è scesa dal primo al quinto posto dopo aver ottenuto la migliore prestazione nel primo turno, in condizioni più tranquille.

La temperatura si aggirava intorno agli 0°C in una giornata nuvolosa a Mont-Tremblant, prima che iniziasse a nevicare prima della seconda discesa.

READ  Immersioni estreme: il francese Gary Hunt incoronato per la decima volta

Shiffrin era contenta di come ha pattinato in quelle condizioni.

“Lo preferisco quando c’è il sole”, ha detto con un sorriso. Quando già dall’inizio senti che le cose si muovono, che in qualche modo le porte ti saltano addosso, non vedi nulla. Dici a te stesso che devi solo lottare e provare a pattinare bene. “Penso di aver fatto del mio meglio.”

Valerie Grenier di St. Isidore, Ontario, è arrivata 11a a causa di un errore costoso nel primo round, ma è risalita al sesto posto per finire l’evento come la canadese più veloce.

“La neve non era poi così forte, era solo il vento che la soffiava e non potevamo vedere molto”, ha spiegato. C’erano una o due porte di cui non vidi la successiva. È stata una corsa un po’ folle. Sono andato lì pensando che fosse pazzesco, ma lo era Hazar“.

Tuttavia, Grenier, 27 anni, ha ritenuto di aver perso un’opportunità, dopo aver terminato ottavo sabato.

“Il mio errore è stato costoso questa mattina, quindi penso che se non l’avessi fatto, penso che avrei potuto essere vicino (al podio)”, ha detto. Ma tutti commettono errori e questo fa parte del gioco”.

Tuttavia, la candidata locale era orgogliosa della sua prestazione davanti a chi le era vicino, ed è rimasta stupefatta dal sostegno del pubblico nei suoi confronti durante tutto il fine settimana.

Gli organizzatori dell’evento hanno affermato che più di 15.000 spettatori hanno partecipato all’evento di due giorni.

“È così bello vedere tutti quelli che sono venuti qui oggi e ieri. È come se non potessi credere che così tante persone siano venute a vederci – ha detto Grenier – È davvero commovente: un pubblico come questo è ciò che fa una gara”. Hazar“.

READ  Mondiali 2022: Argentina e Croazia, Italia al fischio

Cassidy Gray di Panorama, British Columbia, è arrivato 24esimo con un tempo di 2:14.49. Si è piazzata nella top 30 per la seconda gara consecutiva dopo non essere stata in grado di farlo da marzo 2021.

“È davvero speciale per me”, ha detto Gray. Mi dà molta fiducia e so che posso fare di più. “Non vedo l’ora che arrivi il resto della stagione.”

Justine Clément del Quebec, di Stoneham, e Justine Lamontagne, di Mont-Sainte-Anne, non hanno evitato l’ascia e hanno concluso rispettivamente al 50° e 53° posto. Sarah Bennett, anche lei di Stoneham, e Brett Richardson, di Canmore, Alta., non hanno completato la loro discesa.

Questa era la prima volta dal 1983 che Mont-Tremblant ospitava un evento di Coppa del Mondo alpino.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *