L’Italia vince la prima partita in due anni, la Scozia domina il Giappone

È stato uno dei match più attesi di questo tour autunnale. A due anni dalla sconfitta a Yokohama nella finale dei Mondiali, il XV de la Rose si è preso una rivincita sugli Springboks. Sul loro prato a Twickenham, i giocatori di Eddie Jones sono stati in grado di mantenere i nervi saldi in una partita giocata ad alta tensione per vincere con il minimo dei margini. Su un’azione che lo ha visto sbattere, Manu Tuilagi ha lanciato l’Inghilterra sul binario giusto dal 7′. Un inizio di gara fragoroso che ha visto Freddie Steward ribaltare il pubblico inglese poco dopo il quarto d’ora di gioco e un rigore firmato da Handre Pollard per sbloccare il contropiede sudafricano. La fine del primo periodo si è concretizzata in un duello di gol tra il primo tempo del Montpellier e il suo giovane vis-à-vis Marcus Smith. Quest’ultimo ha permesso all’Inghilterra di riconquistare il suo spogliatoio con un vantaggio di cinque punti. Non appena è tornato in campo, Handre Pollard ha perso due occasioni per colmare il divario, punti persi lungo la strada che alla fine sono stati costosi. L’attaccante degli Springboks si riprende al 55′, poco prima di cedere il passo a Elton Jantjies. Il giocatore che è passato per la Sezione di Paloise alla fine della scorsa stagione ha dato il vantaggio al Sudafrica prima che Raphael Quirke permettesse al XV de la Rose di darsi un po’ d’aria facendo parlare il suo scatto di velocità. All’inizio dell’ultimo quarto d’ora, Will Stuart ha lasciato l’Inghilterra a quattordici anni dopo una serie di errori. Una superiorità numerica che il Sudafrica ha subito sfruttato da Makazole Mapimpi, che ha portato a punto gli Springboks. François Steyn ha poi apprezzato la sua precisione al piede per permettere ai campioni del mondo di riconquistare il vantaggio. Ma troppo indisciplinati, con Siya Kolisi fuori per cartellino giallo per contatto aereo con un giocatore inglese, i sudafricani hanno concesso all’ultimo minuto il rigore che ha permesso a Marcus Smith di regalare la vittoria all’Inghilterra (27-26).

READ  Euro 2020 - L'olandese Björn Kuipers arbitrerà la finale Italia-Inghilterra a Wembley

L’Italia torna a brillare

Finalmente una vittoria per Squadra Azzurra! Da una partita del girone contro il Canada ai Mondiali di settembre 2019, l’Italia non ha vinto una sola partita! Ma dopo sedici sconfitte di fila, gli uomini del nuovo allenatore Kieran Crowley sono finalmente tornati al successo, sbaragliando l’Uruguay (17-10), classificatosi tre gradini dietro di loro nel ranking mondiale di rugby (17° contro 14°), nel piccolo stadio di Parma. Gli italiani, che sabato hanno esordito con diversi giocatori in nazionale, non hanno sorvolato i dibattiti, tutt’altro, ma l’importante è che non finisca fanny nell’anno 2021. All’intervallo, l’Italia ha guidato 10-3 dopo aver segnato una sola meta, dell’esterno Pierre Bruno, che ha onorato la sua prima presenza in nazionale e non ha potuto trattenere le lacrime durante l’inno. Il giocatore delle Zebre si è girato in porta dopo un’azione in cui è stato spostato sulla destra dopo un tocco sulla sinistra e una palla portata. Le azzurre hanno iniziato bene il secondo periodo con una meta messa a segno al 53° da Hame Faiva, neozelandese di nascita e anche lui selezionato per la prima volta. Il tallonatore si è ritrovato all’inizio dell’azione (toccata sulla destra) e alla conclusione dopo un nuovo pallone portato (17-3). Ma sette minuti dopo, anche l’Uruguay, che sarà nel girone della Francia ai Mondiali 2023, è riuscito a segnare anche dopo una giocata vicino alla linea, grazie alla terza fila Santiago Civetta (17-10). Ma i sudamericani non sono riusciti a segnare la meta del pareggio, l’Italia può essere esonerata!

Un record per Hogg

La Scozia, da parte sua, ha avuto un record molto più brillante dell’Italia, e questo sabato ha firmato la sua sesta vittoria in dieci partite quest’anno, contro il Giappone (29-20). Di fronte a una squadra classificata tre file dietro di loro (10° contro 7°), anche gli uomini di Gregor Townsend hanno sofferto, ma hanno vinto grazie a cinque mete. Il XV du Chardon ha dominato abbastanza ampiamente il primo tempo ed è tornato negli spogliatoi in vantaggio per 19-6. Duhan van der Merwe, dal 5′, apre le marcature dopo un tocco sulla sinistra, palla portata e grande spinta (5-0). Poi è stato il capitano Stuart Hogg a trovare il gap sulla fascia sinistra dopo un’inversione di gioco di Finn Russell per andare a registrare la sua 25a meta di selezione, un nuovo record (12-6, 28°)! Darcy Graham ha aggiunto la sua pietra al 39esimo, segnando nell’angolo destro dopo un buon passaggio di Russell (19-6). Nella ripresa il Giappone ha approfittato della superiorità numerica in seguito al cartellino giallo di Jamie Bhatti (accumulazione di falle) per segnare due rigori e tornare a (19-12). Ma al 55′ Stuart McInally, appena entrato in campo, ha dato nuova vita alla Scozia segnando su pallone portato (26-12). Nove minuti dopo, il Giappone è stato finalmente premiato con una meta, segnata da Tevita Tatafu, anche su palla portata (26-17). I giapponesi non sono riusciti a impensierire gli scozzesi nell’ultimo quarto d’ora e hanno chiuso l’anno con la quinta sconfitta in sei partite.

READ  L'Italia con i suoi campioni d'Europa e Zaniolo per le qualificazioni ai Mondiali

TOUR D’AUTUNNO
sabato 20 novembre 2021
Italia – Uruguay : 17-10
Scozia – Giappone: 29-20
Inghilterra – Sud Africa: 27-26
18h30 : Galles – Australia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *