L’Italia sta avviando un processo di smantellamento molto graduale

Questo lunedì l’Italia inizia un processo di smantellamento molto graduale in tre quarti delle regioni italiane, e solo la Sardegna rimane in rosso, e quindi si aspetta i suoi vicini europei. Rischio calcolato pensa il governo italiano.

Gli italiani la chiamano febbre gialla … per riferirsi alla febbre che ha travolto 15 regioni, soprattutto al centro e nord del Paese, e che lunedì torna gialla. Graduale riduzione delle procedure che non dovrebbero essere considerate completa libertà. QuintoQuesto è il duro messaggio che il premier Mario Draghi deve inviare a un popolo esausto:Non ho dubbi sulla campagna di vaccinazione, continuerà a migliorare sempre di più, quindi è solo una questione di comportamento, la distanza, le maschere, … e quindi, a seconda di ciò, la probabilità che dovremo il contrario è molto basso. “

Tornati sulla panchina della scuola, quasi a tempo pieno anche al liceo, le attività sportive all’aperto, i teatri e i cinema potrebbero riprendere per accogliere un pubblico limitato, e bar e ristoranti hanno ripreso a funzionare solo per servire i clienti seduti in terrazza fino a 22 ore . Misure di sopravvivenza economica, spiega Lina Palmerini de Il Sole 24 Ore:IlIl governo ha già distribuito 72 miliardi di euro di sostegno economico, quindi immaginare un’estensione del blocco significa fornire più soldi e aumentare le disparità tra le categorie di lavoratori “.

Con un italiano su tre considerato immune, il piano di smantellamento che prevede ulteriori soccorsi dovrebbe decorrere dal 15 maggio. Ma la questione del mantenimento del coprifuoco fino al 31 luglio fa arrabbiare i partiti politici.

Informazioni sulla newsletter

Ricevi le notizie importanti ogni mattina.

READ  Scelte: Verratti ha rassicurato l'Italia che ci sarebbe stato per l'euro

Ebbene non compaiono più x

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *