L’Italia potrebbe nazionalizzare la raffineria Lukoil in Sicilia

ROMA, 11 giu. (Reuters) – Il ministro italiano per la Transizione ecologica ha detto sabato che la nazionalizzazione e’ tra le opzioni per la raffineria Lukoil con sede in Sicilia.

Mentre i leader dell’Unione Europea hanno concordato a fine maggio un embargo graduale sul greggio russo, con alcune esenzioni, il divieto di importazione via mare potrebbe avere gravi ripercussioni per la raffineria.

“Ci sono diverse opzioni allo studio, una è qualcosa come la nazionalizzazione (…), un’altra è l’intervento di un acquirente esterno, ad esempio”, ha detto Roberto Cingolani durante un evento organizzato dal quotidiano Il Foglio, senza specificare chi è questo acquirente. potrebbe essere.

La raffineria ISAB rappresenta circa il 20% della capacità di raffinazione italiana. Impiega circa 1.000 persone e ha acquistato dal 30 al 40% delle sue materie prime dalla Russia, il resto proveniente dai mercati internazionali.

Dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, tuttavia, ha dovuto ottenere forniture di greggio da Lukoil, poiché le banche internazionali non gli concedono più credito. (Report Angelo Amante, versione francese Benjamin Mallet)

READ  Totti: 'Il Mondiale senza l'Italia è come la Roma senza il Colosseo'

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.