L’Italia offre altri 9 miliardi di euro in cambio di un aumento dei prezzi dell’energia

L’Italia offre altri 9 miliardi di euro in cambio di un aumento dei prezzi dell’energia

Le gouvernement italien a débloqué jeudi soir 10 novembre un totale di 9,1 miliardi di euro supplémentaires pour lutter contre la flambée des prix de l’énergie, an annoncé un communiqué du ministère de l’Économie ‘publiue à l’économie’ publiue à l’economia ‘publiue à l’ Consiglio dei ministri.

>> Energia: l’accordo dell’Unione Europea per “carta stradaleChi non è stato ancora rifiutato

>> I paesi dell’UE27 si impegnano a limitare l’aumento dei costi energetici

>> Prezzi dell’energia: nuovi aiuti alle imprese e alle comunità

In una stazione di servizio a Roma, Italia.
Foto: AFP/VNA/CVN

questa somma”Proviene da entrate fiscali straordinarie“, grazie a un terzo trimestre migliore del previsto per l’economia italiana”, si legge nel comunicato.

Pertanto, il decreto-legge adottato dal governo prevede esenzioni fiscali per le imprese e le varie altre attività, come bar, ristoranti o negozi, per l’acquisto di gas ed elettricità. Prevede inoltre il mantenimento della riduzione dell’accisa sui carburanti fino al 31 dicembre.

Oltre alla componente che fornisce tale assistenza finanziaria, il governo della Georgia Meloni ha deciso anche “Al fine di aumentare la produzione nazionale di gas naturale“Licenza di nuove concessioni gas offshore e aumento dei quantitativi di gas estratti da concessioni già in esercizio.

Questi 9,1 miliardi di euro a sostegno del governo Meloni per famiglie e imprese si aggiungono ai 66 miliardi di euro già spesi nel 2022 dal governo del predecessore Mario Draghi per lo stesso obiettivo.

Il ministro dell’Economia italiano Giancarlo Giorgetti ha dichiarato mercoledì che il bilancio italiano per il 2023 destinerà 21 miliardi di euro a misure a sostegno delle famiglie e delle imprese di fronte all’aumento dei prezzi dell’energia.

READ  Aldo Gucci: 5 cose da sapere sul patriarca di Gucci Al Pacino protagonista di "House Of Gucci"

Per liberare queste risorse aggiuntive che saranno finanziate attraverso il debito, il ministro ha alzato il deficit pubblico del Paese previsto per il 2023 al 4,5% del PIL, contro il 3,4% previsto a settembre dal governo Draghi.

Ma un mese fa i datori di lavoro italiani chiedevano misure per aiutare il 2023″Da 40 a 50 miliardi di euro“per evitare il fallimento”Migliaia di aziende“e una perdita”Centinaia di migliaia di posti di lavoro“.

APS/VNA/CVN

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.