L’Italia mostra fermezza nei confronti di Vladimir Putin

Domenica 17 aprile, il Primo Ministro italiano Mario Draghi ha lamentato l’apparente incompetenza di “un dialogo” Con Vladimir Putin, rilevando che questi contatti non sono stati impediti ” l’orrore “ continuare in Ucraina. “Comincio a pensare che quelli che dicono: + È inutile parlare con lui, stai perdendo tempo + Hanno ragione”Lo ha detto Mario Draghi in un’intervista al Daily Il Corriere della Sera Inserito domenica 17 aprile.

Queste dichiarazioni allarmano il presidente francese Emmanuel Macron, uno dei pochi leader occidentali, insieme al cancelliere tedesco Olaf Schulz e al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che hanno parlato più volte con Vladimir Putin dopo lo scoppio della guerra il 24 febbraio.

→ Discuti. La guerra in Ucraina: dovremmo continuare a parlare con Vladimir Putin?

Ho sempre difeso Macron e continuo a dire che, in quanto attuale presidente dell’Unione europea, ha ragione a tentare tutte le possibili vie di dialogo. Ma sento che l’orrore della guerra con i suoi massacri, e quello che hanno fatto a bambini e donne, sia completamente indipendente da dichiarazioni e telefonate”. Tra il Cremlino e le potenze straniere, ha detto Mario Draghi.

L’Italia riapre la sua ambasciata a Kiev

Finora, l’obiettivo di Putin (Vladimir) non era cercare la pace, ma cercare di distruggere la resistenza ucraina, occupare il Paese e consegnarlo a un governo amico.Ha aggiunto, assicurando la sopravvivenza dell’Italia ” chiudere “ a lei “Amici ucraini”.

I commenti arrivano quando l’Italia ha annunciato la riapertura della sua ambasciata a Kiev da lunedì 18 aprile. Il capo del consiglio ha anche difeso la consegna di armi agli ucraini. sì Le sanzioni sono necessarie per indebolire l’aggressore, non riescono a fermare le forze nel breve termine. Per fare questo, dobbiamo aiutare direttamente gli ucraini, ed è quello che stiamo facendo. Non farlo è dire loro: arrendersi, accettare la schiavitù e sottomettersi – un messaggio che va contro i nostri valori europei di solidarietà”.

Nei suoi quattordici mesi come primo ministro a Roma, Mario Draghi ha fortemente influenzato la linea diplomatica del suo Paese verso Mosca. L’Italia ha sempre mantenuto stretti rapporti commerciali con la Russia. Prima dello scoppio della guerra il 24 febbraio, questo paese rappresentava anche il 45% delle sue importazioni di gas.

READ  La crisi ucraina è la nostra priorità assoluta

Berlusconi prende le distanze da Putin

Anche le forze politiche di destra e di estrema destra nella penisola hanno relazioni ambigue con Vladimir Putin. L’ex capo del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi, che è stato capo del governo tre volte tra il 1994 e il 2011, ha mantenuto con lui amicizie personali, arrivando al punto di invitarlo in vacanza nella sua villa di lusso in Sardegna.

Sabato 9 aprile ha finito per prendere le distanze, dicendo a se stesso “Estremamente deluso e addolorato dal comportamento di Vladimir Putin”. E il massacro di Butch alla periferia di Kiev, dove l’esercito russo ha commesso orribili abusi sulla popolazione, lo ha costretto a distinguersi. Di fronte alle atrocità dei massacri di civili a Buce e in altre località, e ai veri crimini di guerra, la Russia non può negare le proprie responsabilità.Ha detto l’ex capo della destra italiana.

→ Manutenzione. Guerra in Ucraina: “Il crimine contro l’umanità non è meno terribile del genocidio”

Mario Draghi ha anche partiti politici nella sua coalizione di governo che da tempo dimostrano il loro sostegno a Vladimir Putin: la Lega Matteo Salvini e il Movimento Cinque Stelle guidato da Luigi Di Maio, l’attuale ministro degli Esteri.

Diplomazia filoeuropea e atlantica

Nel difendere la diplomazia filoeuropea e atlantica, Mario Draghi è senza dubbio sensibile alla strategia offensiva degli Stati Uniti nei confronti della Russia. Partecipa regolarmente Quinto Un format di discussione che riunisce i capi di Stato e di governo di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Germania e Italia. La sua esperienza come ex capo della Banca centrale europea (BCE), che gli ha dato tanta fiducia per salvare l’eurozona durante la crisi del debito sovrano degli anni 2000, gli conferisce una vera autorità.

READ  Italia e Spagna... Questi sono i paesi che tassano i profitti delle grandi aziende

A fine febbraio Mario Draghi ha subito intrapreso l’azione decisa da Vladimir Putin di invadere l’Ucraina, un’aggressione che ha violato il diritto internazionale e sollevato interrogativi sugli equilibri strategici del continente. Due giorni dopo lo scoppio delle ostilità, una conversazione telefonica con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky lo convinse a non aderire a una posizione di intermediario. Mentre il suo Paese bloccava un progetto europeo per separare sette banche russe dalla stanza di compensazione espressa, Mario Draghi ha deciso di unirsi alla maggioranza. È stato isolato dalla Germania, che a sua volta ha concesso alcune ore.

→ Leggi. La guerra in Ucraina: stringere la vite sull’economia russa

Una delle priorità dell’Italia ora è trovare alternative al gas russo. Lo stesso capo del Consiglio italiano si è recato in Algeria per firmare un nuovo contratto con questo Paese, che era già il suo secondo fornitore. L’Italia potrebbe anche aumentare rapidamente le sue spedizioni di gas dall’Azerbaigian, dalla Tunisia e dalla Libia, secondo il governo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.