L’Italia indaga su Booking.com per “colossale” evasione fiscale – EURACTIV.com

La piattaforma di prenotazione online Booking.com è sospettata di aver commesso un’evasione fiscale per oltre 153 milioni di euro, ha annunciato giovedì 10 giugno la Guardia di Finanza italiana a Genova.

Secondo l’indagine, iniziata nel 2018, la società ha emesso fatture senza IVA, applicando il cosiddetto ” autoliquidazione », anche nei casi in cui la struttura ricettiva non fosse titolare di partita IVA. Di conseguenza, l’IVA non è stata né dichiarata né pagata in Italia.

Grazie a questo ” sistema ‘, Booking avrebbe guadagnato circa 700 milioni di euro su quasi 900.000 transazioni, per le quali non ha pagato 153 milioni di euro di IVA.

La società non aveva un rappresentante fiscale in Italia e quindi non ha rendicontato i ricavi al fisco di quel Paese” compiendo così una totale evasione fiscale, che non è stata pagata in Italia o nei Paesi Bassi. ‘, riferiscono fonti della Guardia di Finanza.

« In ottemperanza alla normativa IVA europea, riteniamo che tutte le nostre strutture partner nell’Unione Europea, comprese le strutture italiane, siano responsabili dell’accertamento del pagamento dell’IVA locale e del pagamento ai rispettivi governi ”, ha scritto Booking in una nota.

« Confermiamo di aver ricevuto il recente rapporto di accertamento delle Autorità italiane, che ora sarà esaminato dall’Agenzia delle Entrate, e che intendiamo indagare in piena collaborazione con quest’ultima”, ha aggiunto la società con sede nei Paesi Bassi.

Questo caso potrebbe diventare uno dei primi casi di evasione fiscale da parte della nuovissima Procura europea, che ha già contattato i colleghi italiani per sapere come procedere.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *