L’Italia fa cinque cambi per affrontare l’Argentina

Le sélectionneur néo-zélandais du XV d’Italie Kieran Crowley an annoncé jeudi cinq change – deux derrière, trois devant – pour le match amical contre l’Argentine, samedi à Trévise, une semaine après black contres la dé47) aroma. Contro i neozelandesi, che hanno combattuto bene l’Italia per mezz’ora prima di prendere l’acqua, Crowley si affiderà alla piccola cerniera composta da Paolo Garbessi (Montpellier) e Stephen Varney (Gloucester). Anche il calabrone posteriore è stato rifornito da Matteo Minozzi.

Tuttavia, nella sua seconda partita da allenatore, Crowley ha rinnovato il suo ruolo nei quarti di finale in parte con Eduardo Padovani sulla fascia destra al posto di Federico Mori e Luca Morisi (di nuovo dopo un anno di assenza) al posto di Marco Zanon. Sul fronte offensivo ha effettuato un cambio di linea con il ritorno in terza linea di Giovanni Licata (Zebra), per la prima volta da febbraio 2020, e il primo mandato del pilastro Ivan Nemer (Benetton).

Italia e Argentina si incontreranno per la 23a volta dal 1978, con statistiche ampiamente favorevoli per Puma (16 vittorie, cinque vittorie italiane e un pareggio). L’Argentina (31-15) ha vinto l’ultima partita, testa a testa, a Firenze. L’ultima vittoria degli Azzurri risale al giugno 2008 a Cordoba (13-12). Kieran Crowley ha commentato, in un comunicato diffuso dalla Federazione italiana: “La posizione mostrata dalla squadra neozelandese è stata buona, ma nella prossima partita dovremo fare di più per ottenere un grande risultato contro l’Argentina”.

Composizione Italia:

Minozzi – Padovani, Brix, Morrissey, Ioan – Garbessi, Varni – Lamaro (copertina), Licata, Negri – Cisse, Cannon – Riccione, Luccese, Tiger.
Alternative: Bigi, Fischetti, Ceccarelli, Fuser, Ruzza, Pettinelli, Fusco, Mori

READ  Australian Open: Nadal guadagna slancio [VIDÉO] | Gli sport Giusto

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *