Lippi ripensa alla finale del 2006 contro la Francia

Axel Al-Ula, Pubblicato giovedì 24 dicembre 2020 alle 18:10.

Campione del mondo con l’Italia contro la Francia a Berlino nel 2006, Marcello Lippi è tornato in questa finale. E secondo lui, i nazionalisti hanno avuto la fortuna di sconfiggere i Blues.

Sono stato incoronato campione del mondo il 9 luglio 2006 contro la nazionale francese a Berlino (1-1; 5 tiri in porta a 3), l’Italia ha saputo sfruttare il fattore fortuna per privare i Blues di una seconda stella , secondo Marcelo. Libby, che quella sera stava affrontando Raymond Dominic. L’ex tecnico della Juventus Torino o il brasiliano è tornato a questo incontro durante un’intervista a So Foot. Confutando l’idea che un giocatore possa vincere una partita da solo, ha detto di aver litigato con lui in Germania: “Quello che c’è è un gruppo di giocatori, e più grandi giocatori hai, maggiori sono le tue possibilità di vincere in seguito. Sì, ce l’hanno. Anche la Francia ce l’ha, ma alla fine tende ai rigori.Non è stato bello vederla in finale davanti a noi. Abbiamo vinto con un po ‘di fortuna, indipendentemente dall’esclusione di Zidane. Gli erano rimasti solo dai cinque ai dieci minuti quando è stato licenziato. Nelle retrovie ci sono stati i rigori e abbiamo segnato tutti. L’unico che è mancato è David Trezeguet. Ma in questa sessione, anche con Zidane in campo, Trezeguet avrebbe pagato qualunque cosa fosse accaduta “.

Il successo di Deschamps non è stato una sorpresa per Libby

Durante la sua carriera da allenatore, in particolare alla Juventus Torino (1994-1999 e poi dal 2001 al 2004), Lippi ha diretto diversi giocatori francesi, come Thierry Henry, Zinedine Zidane o Didier Deschamps. Il viareggino non si è stupito del successo dell’attuale allenatore degli azzurri, già un elemento molto in gamba in campo. “Non sono affatto sorpreso. È il tipo di giocatore che allenava davvero quando giocava. Ho avuto l’opportunità di allenare molti giocatori e grandi giocatori. Alcuni di loro sono diventati grandi allenatori dicendoti la verità: quando ho vinto il Mondiale nel 2006, sono diventati diciassette “. Tanti allenatori dopo, e poi c’erano Antonio Conte, Paulo Sousa, Zidane … Ma per la maggior parte, non c’era alcuna indicazione con certezza che sarebbero diventati un allenatore al di là della loro carriera. Deschamps, sì. Era sempre responsabile dell’organizzazione della squadra e quando gli parlavo, spesso capiva davvero dove andare prima che parlassi ”.Libby, che non ha voluto menzionare le critiche a Deschamps, ha annunciato di no “Litigare con il popolo francese”.

READ  Guarda su Télérama.fr "We Must Bring Albert", il film preferito in concorso al Fipadoc 2022

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.