Lippi ripensa alla finale del 2006 contro la Francia

Axel Al-Ula, Pubblicato giovedì 24 dicembre 2020 alle 18:10.

Campione del mondo con l’Italia contro la Francia a Berlino nel 2006, Marcello Lippi è tornato in questa finale. E secondo lui, i nazionalisti hanno avuto la fortuna di sconfiggere i Blues.

Sono stato incoronato campione del mondo il 9 luglio 2006 contro la nazionale francese a Berlino (1-1; 5 tiri in porta a 3), l’Italia ha saputo sfruttare il fattore fortuna per privare i Blues di una seconda stella , secondo Marcelo. Libby, che quella sera stava affrontando Raymond Dominic. L’ex tecnico della Juventus Torino o il brasiliano è tornato a questo incontro durante un’intervista a So Foot. Confutando l’idea che un giocatore possa vincere una partita da solo, ha detto di aver litigato con lui in Germania: “Quello che c’è è un gruppo di giocatori, e più grandi giocatori hai, maggiori sono le tue possibilità di vincere in seguito. Sì, ce l’hanno. Anche la Francia ce l’ha, ma alla fine tende ai rigori.Non è stato bello vederla in finale davanti a noi. Abbiamo vinto con un po ‘di fortuna, indipendentemente dall’esclusione di Zidane. Gli erano rimasti solo dai cinque ai dieci minuti quando è stato licenziato. Nelle retrovie ci sono stati i rigori e abbiamo segnato tutti. L’unico che è mancato è David Trezeguet. Ma in questa sessione, anche con Zidane in campo, Trezeguet avrebbe pagato qualunque cosa fosse accaduta “.

Il successo di Deschamps non è stato una sorpresa per Libby

Durante la sua carriera da allenatore, in particolare alla Juventus Torino (1994-1999 e poi dal 2001 al 2004), Lippi ha diretto diversi giocatori francesi, come Thierry Henry, Zinedine Zidane o Didier Deschamps. Il viareggino non si è stupito del successo dell’attuale allenatore degli azzurri, già un elemento molto in gamba in campo. “Non sono affatto sorpreso. È il tipo di giocatore che allenava davvero quando giocava. Ho avuto l’opportunità di allenare molti giocatori e grandi giocatori. Alcuni di loro sono diventati grandi allenatori dicendoti la verità: quando ho vinto il Mondiale nel 2006, sono diventati diciassette “. Tanti allenatori dopo, e poi c’erano Antonio Conte, Paulo Sousa, Zidane … Ma per la maggior parte, non c’era alcuna indicazione con certezza che sarebbero diventati un allenatore al di là della loro carriera. Deschamps, sì. Era sempre responsabile dell’organizzazione della squadra e quando gli parlavo, spesso capiva davvero dove andare prima che parlassi ”.Libby, che non ha voluto menzionare le critiche a Deschamps, ha annunciato di no “Litigare con il popolo francese”.

READ  Un sequel della serie su Netflix? Fusione urbana

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *