L’inno di Marco Verratti che il Paris Saint-Germain adora

L’inno di Marco Verratti che il Paris Saint-Germain adora

In un’intervista a L’Equipe, il centrocampista italiano ha ricordato la sua partenza dal club parigino. Senza la minima amarezza.

I giorni si susseguono e non sono uguali nei pilastri della vita quotidiana Il gruppo. Mercoledì, in un’intervista, Marcelino ha espresso tutto il suo disappunto, amarezza e indignazione per il clima ostile che circonda l’Olympique Marsiglia, che lo ha spinto a prendere posizione nel mezzo di una crisi con gli ultras del club. Questo giovedì c’è stato un cambiamento totale nel tono di Marco Verratti, che è tornato dopo la sua partenza dal Paris Saint-Germain alla squadra del Qatar Al-Arabi, ed è ancora per… Il gruppo . Senza la minima ostilità, anzi, con tanti riconoscimenti.

Il Paris Saint-Germain mi ha dato tutto ciò che potevo sognare“, precisa subito l’italiano.”Il calcio è sempre stato un gioco per me, ma il club mi ha offerto l’opportunità di sperimentare qualcosa che avrei fatto con i miei amici ai massimi livelli… di cui sarò sempre grato e non mi metterò mai nei guai. Contro il club. Nel calcio le cose evolvono. Ho giocato lì per undici anni, forse vogliono fare qualcos’altro. La cosa più importante è che partiamo in buoni rapporti.» Se necessario, aggiunge ancora, dopo qualche istante: «Non passeresti undici anni nella squadra se non fossi innamorato. Ho ricevuto molte offerte nel corso degli anni e, anche se ci ho pensato, la mia priorità è sempre stata restare qui.»

Guarda anche – Il commovente addio di Marco Verratti al Paris Saint-Germain

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/dugout/index.js” >

Non c’è rancore con Luis Enrique

Anche nei confronti del nuovo allenatore del Paris Saint-Germain, Luis Enrique, Marco Verratti non nutre particolari rancori: “Per prima cosa ho avuto un colloquio con l’allenatore e mi ha detto che non rientravo nei suoi piani. È un grande allenatore e sta facendo buone cose con il Paris Saint-Germain. Non l’ho presa come una decisione personale. Non ho mai avuto nemici in vita mia, preferisco le cose ovvie. Mi ha appena detto che voleva un cambiamento. Che ero qui da tanti anni e che lui voleva qualcosa di nuovo. Per me le cose non succedono mai per caso. La società voleva che guardassi altrove, così ho iniziato a parlare con le squadre e ho scelto il Qatar. Ognuno ha la propria visione del gioco e penso che Luis Enrique avesse bisogno di altri giocatori. Non ho nulla contro di lui, avevamo ottimi rapporti. Mi sono allenato ogni giorno al massimo e non può dire niente di negativo su di me. A volte ci sono dei cambiamenti e va bene anche questo.»

READ  Ciao Mbappé e Haaland! Il Real Madrid non è sensibile alle nuove bocce italiane - Sport.fr

Onore a Zlatan

Ora ha 30 anni, e dopo undici anni con il club della capitale, con cui ha vinto 30 titoli, l’italiano ha visto passare una serie di giocatori, dalle più grandi stelle ai giovani talenti ambiziosi. Una, tra tutte le persone che incontrò, lo distinse più degli altri. “Zlatan ha portato tanto e parlo anche a nome della società. Ha portato questa convinzione, l’idea che bisogna sempre sognare in grande. Anche quando non eravamo favoriti, Ibrah ha dato a tutti la fiducia necessaria per dare tutto ciò che avevano. Questo vale anche per i dipendenti del club: li ha sempre spinti al limite. Era dura, poteva essere cattivo, ma in gruppo un ragazzo così ti fa crescere. Dopodiché ci sono tanti altri giocatori… Anche Kylian (Mbappe) ha fatto qualcosa di incredibile, in campo ci ha portato un gradino più in alto.»

Quando vinci, è facile essere amici. Ma quando compaiono i primi problemi, vedi se questo è davvero un ottimo kit.

Marco Verratti

Il Transalpino si rifà anche a quanto secondo lui è cambiato nel tempo all’interno del Paris Saint-Germain. Senza alcuna ironia. “Nei primi anni eravamo un gruppo molto affiatato. I francesi, gli italiani, i Nuovi… Sono anche un’altra generazione. Restavano i problemi dello spogliatoio e ci siamo parlati. Eravamo amici e andavamo in vacanza insieme. All’inizio è stato un po’ difficile con i francesi ma poi siamo stati sempre insieme, Douche, Chantom, Galette e anche il quarto portiere. Tutti con lo stesso obiettivo. Allora avevamo squadre più forti ma eravamo meno unite. Quando vinci, è facile essere amici. Ma quando compaiono i primi problemi, vedi se questo è davvero un ottimo kit. Penso che questo sia il problema che abbiamo avuto dopo, e non è più lo stesso.»

READ  Pallavolo: la Polonia nella finale del suo "mondo" contro l'Italia

Marco Verratti, infine, non si sottrae alla domanda sul suo stile di vita, a volte (spesso) scandito da folli serate parigine. Su questo tema il Transalpino resta dritto sui suoi passi, armato delle sue convinzioni e del suo carattere. “E’ il mio modo di essere. Per me il calcio è sempre stato un gioco, poi avevo una vita. Il divertimento che provavo era andare al ristorante e bere un bicchiere di vino quando non c’erano allenamenti. Ci sono giocatori che si nascondono, io mi sono sempre preso le responsabilità, nella vita come in campo. Penso che piaccio un po’ alla gente anche per questo: vedono che sono normale. Conoscevo i tempi in cui potevo mangiare con i miei amici e andare in discoteca quando ero più giovane. Sono qui da undici anni ed è normale che la gente mi incontri più degli altri. Non resterò a casa tutti i giorni.»

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *