Linea Lione-Torino: parlamentari di ogni schieramento invitano il presidente a “rispettare gli impegni”

Linea Lione-Torino: parlamentari di ogni schieramento invitano il presidente a “rispettare gli impegni”

Dopo che l’ultimo rapporto è stato presentato al Consiglio direttivo delle infrastrutture (COI) lo scorso marzo, i parlamentari di tutte le parti hanno allertato il presidente. Raccomandando di posticipare l’apertura del tratto francese della ferrovia Lione-Tourine “il più vicino possibile al 2045”, la commissione d’inchiesta ha consegnato al governo un arbitrato ad “alto rischio”, secondo l’Unione dei parlamentari per Lione-Tourine. , che riunisce deputati e senatori delle rispettive province. Mercoledì pomeriggio si è tenuta una conferenza stampa al Senato, questi parlamentari vogliono allertare il presidente della Repubblica sul pericolo del “mancato rispetto da parte della Francia dei suoi impegni europei”.

“Gli italiani spediranno 25 milioni di tonnellate attraverso la strada di accesso, mentre noi possiamo spedire solo 10 o 15 milioni”.

Ora sappiamo che il governo intende attingere al rapporto del CIO per costruire e realizzare la politica delle infrastrutture di trasporto “, ha affermato Elisabeth Bourne il 24 febbraio, presentando il rapporto al Primo Ministro di David Valence, presidente del CIO in relazione al città di Lione – Torino, ciò significa che i cantieri in corso tra Saint-Jean-de-Maurienne (Savoia) e Sousse (Italia), come raccomandato dal comitato direttivo per le infrastrutture, devono essere rinviati.

Tuttavia, questo arbitrato non è stato definitivamente approvato dal Primo Ministro. I parlamentari intendono quindi riflettere sulla decisione finale, perché il rinvio definitivo del progetto da parte francese sarebbe “drammatico”, spiega Etienne Blanc, senatore LR della regione del Rodano. “Il tunnel di base è in costruzione e sarà consegnato nell’estate del 2032”, spiega. Il problema è far arrivare lì merci e treni, da qui la questione delle strade di accesso. COI dice che finalmente possiamo realizzarlo intorno al 2045 perché è meno urgente e che nel frattempo invieremo merci attraverso Dijon, Ambérieux, Culoz e Aix-les-Bains, quindi attraverseremo Chambéry e ci uniremo al tunnel. Ma gli italiani spediranno 25 milioni di tonnellate attraverso la loro via di accesso, mentre noi possiamo spedire solo 10 o 15 milioni. »

READ  Dopo il caso Chiara Ferragni, l'Italia regolamenta l'attività imprenditoriale delle persone influenti

“Diciamo semplicemente: abbiamo preso impegni con l’Italia e con l’Europa, manteniamoli”.

Per la cinquantina di parlamentari LR, centristi, ma anche comunisti o MoDem, che hanno firmato questo appello, rinviare i lavori per la costruzione di una ferrovia da Lione all’imbocco del tunnel a Saint-Martin-La Porte (Savoia) significava ridurre lo sfruttamento degli investimenti nel tunnel. Tanto più che gli italiani, da parte loro, hanno rispettato i loro obblighi. «Diciamo semplicemente: abbiamo preso impegni con l’Italia e l’Europa, manteniamoli», sottolinea Etienne Blanc.

Il senatore LR vede in questo un problema non solo economico, ma anche ambientale: “Queste strade di accesso consentiranno di soddisfare non solo le esigenze dell’economia francese e italiana, ma anche quelle dell’intera Europa. ultimo anello mancante della grande rete autostradale europea, senza di essa purtroppo l’attraversamento delle Alpi diventerebbe un problema.L’inquinamento della Valle dell’Arve [Haute-Savoie]Autotrasporti, grossi problemi in termini di biodiversità. »

Opposizione di “alti funzionari” per “motivi finanziari”

Ma come si spiegano allora le raccomandazioni del Comitato Olimpico Internazionale e il possibile rinvio dell’azione? “C’è sempre stata l’opposizione di una certa alta amministrazione che non obbedisce più al presidente della Repubblica, che ha firmato gli impegni europei. Ci sono trattati con l’Italia e gli alti funzionari rallentano a carponi per motivi finanziari”, spiega Etienne Blanc.

Pertanto, resta inteso che i necessari impegni finanziari potrebbero non tener conto delle aspettative di Bercy. Il primo ministro dovrebbe decidere di presentare il “futuro piano dei trasporti” del governo la prossima estate.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *