Libia: oltre 100 migranti accolti in Italia tramite corridoio umanitario

Centoquattordici esuli dalla Libia sono sbarcati mercoledì 30 novembre all’aeroporto di Roma in Italia. Questo trasferimento è stato possibile grazie a un corridoio umanitario, allestito dalle associazioni cristiane del Paese in collaborazione con le autorità italiane.

Ormai sono lontani dall'”inferno” libico. Mercoledì 30 novembre, 114 migranti provenienti da questo Paese sono stati accolti in Italia nell’ambito di un corridoio umanitario organizzato da enti di beneficenza cristiani, in collaborazione con le autorità italiane. Tutti atterrati all’aeroporto di Roma Fumicino, due settimane dopo il rifiuto del governo italiano per accogliere i sopravvissuti dell’Ocean Viking.

“L’Italia ha una lunga tradizione di accoglienza. E’ l’unico Paese che ha attivato corridoi umanitari. Oggi l’arrivo di 114 migranti dalla Libia è la migliore risposta che possiamo dare ai trafficanti di esseri umani e all’immigrazione clandestina”, ha detto il ministro degli Esteri Antonio Tajani. presente in aeroporto, che invoca “canali legali di immigrazione”. “Diciamo no ai trafficanti e sì a un percorso migratorio regolare che porti all’integrazione. Questa è l’azione che vogliamo intraprendere nel continente africano e in Medio Oriente per sconfiggere guerre, carestie e terrorismo”.

“Li aiuteremo ad integrarsi, garantendo ai ragazzi un livello di istruzione adeguato per essere protagonisti qui o nel loro Paese di origine se vorranno tornarci”, ha aggiunto il capo della diplomazia italiana, alla presenza del Viminale Matteo Piantedosi ,

“È un onore per il nostro Paese accogliervi e lavorare per la vostra integrazione”, ha reagito da parte sua Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, tra gli organizzatori del progetto. È una festa per voi e per tutti d’Italia”.

Questo corridoio umanitario è un progetto sostenuto e finanziato da organizzazioni protestanti e cattoliche. Il suo obiettivo: aiutare le persone in fuga dal conflitto e offrire loro la possibilità di ricostruire la propria vita in Italia. Secondo la Comunità di Sant’Egidio, dall’apertura dei corridoi nel 2016 sono arrivati ​​in Italia più di 5.000 richiedenti asilo provenienti da Libia, Libano e Pakistan.

READ  Giro d'Italia - Nairo Quintana: "Mi sarebbe piaciuto partecipare al Giro ..."

Una cifra minima rispetto al numero di persone arrivate nel Paese via mare quest’anno. Dal 1° gennaio sono sbarcati sulle coste italiane quasi 95mila migranti – egiziani, tunisini, bengalesi, afghani e subsahariani.

“Ci sono sempre stati morti”

Se la Libia è tradizionalmente un Paese di immigrazione per migranti sub-sahariani in cerca di lavoro, negli ultimi anni si è rivelata anche un territorio dove si applicano violenze e soprusi di ogni genere. InfoMigrants raccoglie regolarmente testimonianze di esuli che descrivono l’orrore della sorte riservata agli esuli. Rapimenti, stupri, estorsioni, torture… sono all’ordine del giorno. Maïmouna, un esule ivoriano che è passato per il paese, ha raccontato di essere stata obbligata ad assistere, durante le sue diverse permanenze nel centro di detenzione, donne migranti durante il loro confinamento in cella. “Ho fatto quello che potevo, perché alcuni non sono sopravvissuti. Ci sono sempre stati dei morti”.

>> Da (ri)leggere: “Di notte sono entrati nella mia stanza e mi hanno violentata”: il racconto di Yolanda, dalla Libia all’Italia (2/2)

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) districa regolarmente gli esuli dalla Libia, tramite voli umanitari verso l’Italia o voli di transito di emergenza, che trasferiscono i migranti in Niger e Ruanda.

Meccanismi vantaggiosi, ma largamente insufficienti, secondo Medici Senza Frontiere (Msf). Nel 2021, su 40.000 registrati, solo 1.662 persone hanno potuto lasciare la Libia attraverso i meccanismi di reinsediamento dell’UNHCR. In un rapporto pubblicato a giugno, intitolato “Fuori dalla Libia”, l’Ong esorta ad “accelerare con urgenza l’evacuazione delle persone più vulnerabili che vivono in condizioni disumane nel Paese”, attraverso “il rafforzamento dei meccanismi esistenti e l’apertura di vie di uscita alternative” verso i Paesi europei e nordamericani in particolare.

READ  In Italia 200 bare in mare dopo il crollo di un cimitero vicino a Genova

Secondo il rapporto, “le poche vie di uscita legali verso paesi sicuri istituite dall’UNHCR e dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) sono molto lente e restrittive. Infatti, solo le persone di nove nazionalità sono prese in considerazione per la registrazione presso l’UNHCR , l’accesso a questo servizio è pressoché inesistente al di fuori di Tripoli e nei centri di detenzione e il numero di posti nei Paesi di destinazione è molto limitato”.

L’UNHCR e l’OIM offrono diversi meccanismi di evacuazione dalla Libia.

Lo scorso giugno, disperato dopo molteplici viaggi di andata e ritorno verso la detenzione e l’impossibilità di lasciare la Libia, Il sudanese Mohamed Abdulaziz, 19 anni, si è impiccato a un posto nella prigione di Ain Zara. “Non ci aveva avvertito che avrebbe fatto un gesto del genere, anche se aveva confidato di essere ‘stanco di questa vita’, ha raccontato a InfoMigrants Ajabana, uno dei suoi ex compagni di cella. Il giorno prima della sua morte, ha ottenuto alcune date e condiviso loro con tutti”.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.