Liam Everts al suo primo GP in Italia: “Stress positivo!” | Motocross – Enduro – Supermoto

Motocross

Liam Everts sta disputando il primo GP della sua carriera questa domenica. Il Limburger sarà al via del decimo round della stagione MXGP a Riola Sardo, in Italia, nella classe MX2. Solo 15 anni dopo che suo padre ha concluso il suo regno ai vertici della gerarchia mondiale del motocross.

Con 10 titoli mondiali e 101 vittorie sul cronometro, Stefan Everts è ancora oggi, a 15 anni dalla fine della sua carriera sportiva, il pilota di motocross di maggior successo. Ora è suo figlio Liam, appena 17 anni, che sta per compiere i suoi primi giri ai massimi livelli. Poco prima di indossare per la prima volta i colori belgi sul Motocross des Nations a Mantova, il pilota della KTM sarà al via del GP di Riola Sardo questa domenica.

“Domani arriverò sicuramente stressato sulla griglia di partenza”, ha confidato questo sabato Liam al nostro collega Jurgen Schrooten di Het Belang Van Limburg, “ma è abbastanza normale, è stress positivo. Sarò meno stressato credo lo scorso fine settimana in Germania. Lì, ero stressato perché era passato molto tempo dall’ultima volta che avevo corso su un circuito duro. Qui, non mi metto sotto pressione inutilmente. Voglio soprattutto imparare. Domenica sera voglio lasciare Riola Sardo positivo, qualunque sia l’esito. “

“Quello che conta per me”, aggiunge suo padre Stefan, “è che Liam si è dato il 100%. Preferirei che lottasse per il 23° posto piuttosto che per il 13° senza dare il massimo. Penso che Liam sia ben preparato, sicuramente meglio di me quando ho fatto il mio primo GP da solo. Avevo 16 anni, era a Faenza, anche in Italia. Avevo terminato 24° e 21° nelle manche. Parker mi aveva superato e mi sembrava che mi stesse volando accanto. Onestamente pensavo che non ce l’avrei mai fatta. “

“Ho imparato a non preoccuparmi di ciò che la gente si aspetta da me”.

“Per fare meglio di papà devo quindi assicurarmi di non essere doppiato”, reagisce Liam che sa anche che il suo cognome suscita grandi aspettative da parte di tanti fan così come tra il grande pubblico per cui suo padre. rimane l’icona del motocross in Europa. “Alcuni anni fa, ho avuto molti più problemi con questo”, spiega, “ma da allora ho fatto un bel po’ di progressi. La gente deve capire che solo perché mi chiamo Everts non significa che vincerò tutto. Lavoro da due anni con uno psicologo dello sport e questo mi porta molto. Sono anche diventato più adulto. Ho imparato a non preoccuparmi di ciò che gli altri pensano o si aspettano da me. “

READ  dei francesi attraversa il confine italiano per un pranzo al ristorante

Attualmente 4° nella classifica provvisoria EMX250, Liam Everts sa già che passerà al campionato mondiale MX2 dalla prossima stagione. “È certo oggi che gareggerò nell’intero Mondiale MX2 nel 2022”, spiega il giovane Limburger. “Ho ancora un contratto di due anni con KTM. In questa fase, non sappiamo ancora se sarà di nuovo nella mia squadra o altrove. Le discussioni sono in corso. Quello che conta per me è poter contare su una buona struttura, che mi permetta di raggiungere i miei obiettivi. “

Per ora, gli obiettivi di Liam sono focalizzati sulla scoperta del Campionato del Mondo MX2 e del Motocross delle Nazioni la settimana successiva. “Dopo gli episodi che ha passato papà con la malaria, quello che mi rende più felice è che lui è al mio fianco per vivere il mio debutto in GP. La nostra famiglia ha attraversato un periodo molto difficile, papà era vicino alla morte. “

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *